LA FINESTRA/SEDURRE CON OVIDIO,
“LA MORTE A VENEZIA”
E WISLAWA SZYMBORSKA

la finestra ifdi fascino intellettuali

Dopo la pausa estiva, oggi ricominciamo a dedicare ogni giorno alla cultura uno spazio all’interno del nostro giornale, segnalando ai lettori gli articoli più interessanti della nostra pagina culturale, Il fascino degli intellettuali.

Sedurre in 10 mosse: i consigli dell'”Ars amatoria” di Ovidio – La conquista della persona amata, si sa, non è impresa facile. È difficile, in particolare, mantenersi in equilibrio tra il celare il proprio interesse, con il rischio che l’oggetto dei desideri migri verso altri orizzonti, e il porsi in maniera troppo sfacciata, cosa che potrebbe infastidire anziché attrarre. Insomma, come suscitare interesse? È un problema che evidentemente ha accomunato gli uomini di ogni epoca se Ovidio, già nel I secolo d.C., ha sentito la necessità di proporre una soluzione. Leggi tutto

“La morte a Venezia”, ovvero l’inconciliabilità di apollineo e dionisiaco – La duplice origine da padre tedesco, appartenente all’alta borghesia di Lubecca, e da madre portoghese, dal temperamento meridionale, appassionata di musica, arte e letteratura, ha fatto nascere l’idea del dissidio che sarebbe alla base dell’opera di Thomas Mann: un perenne scontro tra nord e sud, tra mentalità germanica e sangue latino, tra severità morale e sincero slancio vitale. Leggi tutto

La gioia di scrivere con semplicità di Wisława Szymborska – Non necessariamente la poesia della quotidianità è banale; certo non lo è per l’opera di Wisława Szymborska (Kórnik, 2 luglio 1923 – Cracovia, 1º febbraio 2012), una delle più grandi poetesse polacche degli ultimi anni. La sua grande capacità rappresentativa della realtà e della vita di ogni giorno, infatti, le è valsa – tra gli altri riconoscimenti – il Premio Nobel per la Letteratura nel 1996. Leggi tutto

 

 

Pubblicato in: Cultura, La Finestra Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati