LOMBARDIA, IL GIOCO D’AZZARDO
NON CONOSCE ALCUNA CRISI

poker onlineAppassionati di poker, di scommesse, di roulette o di videoslot? Siete in ottima compagnia, visto e considerato che fate parte di un gigantesco panorama valorizzato in oltre 100 miliardi di euro, con un incremento di quasi il 10% anno su anno. E, di questo panorama, la Lombardia ha prevalentemente giocato un ruolo di principale riferimento, visto e considerato che proprio nella regione settentrionale possiamo trovare la quota di mercato più elevata di tutto il territorio nazionale, con una spesa complessiva che si avvicina al 20 per cento del totale, con una progressione che è praticamente doppia rispetto a quanto hanno realizzato Lazio e Campania, e più che doppia rispetto a quella che è stata realizzata dalle regioni immediatamente successive in questa speciale classifica, come Veneto ed Emilia Romagna.

Per quanto riguarda le principali attrazioni ludiche lombarde, nella regione prevalgono le slot e le videolottery, che spopolano non solamente nei locali, quanto anche attraverso le piattaforme digitali online, sempre più preferite da giovani (e non solo). Particolarmente positive, a proposito di business online, sono inoltre le reazioni ai giochi da casinò come la già rammentata roulette o il blackjack.

Meno positive, in questo contesto, sono invece le prestazioni legate ai giochi più tradizionali, come il Bingo e il poker on line, il cui andamento in Lombardia è in parziale controtendenza rispetto a quanto avveniva negli ultimi anni, soprattutto a causa della forte concorrenza di nuovi prodotti. Di contro, è il settore delle scommesse on line a godere di una nuova linfa particolarmente dinamica, con nuove crescite nel 2017, a quota 10 miliardi di euro, grazie non solamente al calcio (che si conferma lo sport più “gettoanto” da parte degli scommettitori lombardi), quanto anche da altre attività sportive che i bookmaker hanno “servito” con apposite proposte. A conferma di ciò, gli ultimi dati elaborati dal quotidiano economico finanziario Il Sole 24 Ore, secondo cui se fino a dieci anni fa i principali campionati di calcio valevano oltre il 90% del mercato italiano delle scommesse sportive, oggi la quota è scesa al 75%.

Per quanto concerne il 2018, le tendenze che si stanno formando in Lombardia sembrano essere piuttosto chiare. Grazie anche al gap positivo cumulato rispetto alle altre regioni d’Italia, la Lombardia andrà a confermarsi come prima regione italiana per importanza nel settore delle scommesse e del gioco d’azzardo. A seconda delle diverse previsioni, la crescita è prevista in percentuale compresa tra il 5% e il 10%, equamente distribuita tra i vari segmenti in cui è suddiviso questo ricco business.

E’ inoltre molto probabile che il business possa spostarsi sempre più favorevolmente verso le piattaforme online: la disponibilità di servizi di grande qualità e affidabilità da parte degli operatori nazionali e internazionali continua a crescere, così come la consapevolezza e il livello di fiducia degli scommettitori nei confronti di questo comparto.

Non ci resta dunque che tenere sotto controllo il mercato, al fine di verificare se i primi dati trimestrali confermeranno o meno tali auspici condivisi.

 

Pubblicato in: Economia

Condividi questo articolo

Articoli recenti