A VALMADRERA 300 MILA EURO
DA SPENDERE IN QUARANTA GIORNI
“PROGETTI PRONTI NEL CASSETTO”

VALMADRERA – Il consiglio comunale di MINORANZA VALMADRERAValmadrera con la seduta di questa sera 25 novembre dà il benvenuto a Mariangela Maroni Vescovi in sostituzione di Andrea Rondinelli, consigliere dimissionario di minoranza. Oltre a sedere tra le fila dell’opposizione la nuova consigliera – su proposta del capogruppo di “Valmadrera Futura” Elio Bartesaghi – sostituirà Rondinelli anche nella commissione consiliare permanente “Affari generali e Bilancio” e nella commissione “Servizi alla Persona”.

Un’altra sostituzione, se così possiamo chiamarla, riguarda la figura del difensore civico. Quella carica che aveva il compito di segnalare abusi, carenze o altri disguidi che potevano crearsi nei rapporti tra pubblica amministrazione e cittadini, che a Valmadrera era stata ricoperta per oltre vent’anni a titolo gratuito dal dottor Voltolini. Nel 2010 la figura del difensore civico comunale è stata abolita dalle legge, che ha però lasciato sussistere il difensore civico provinciale, il quale ora ha preso il nome di difensore civico “territoriale”, che tramite una convenzione può estendere le sue funzioni a tutti i comuni e le comunità montane della provincia. L’accordo prevede che a fronte di una spesa di duecento euro all’anno, il comune di Valmadrera possa usufruire di questa figura “importantissima nel rapporto tra amministrazione e cittadini – spiega il sindaco Donatella Crippa – che rimarrà in carica dalla stipula del contratto fino allo scioglimento del consiglio provinciale e dovrà trasmettere agli enti aderenti una relazione annuale sulle proprie attività”. Il consiglio comunale nella sua interezza vota favorevolmente questo provvedimento.

Rusconi Antonio2Qualche discussione in più invece attorno all’assestamento generale di bilancio 2015/2017 e all’applicazione dell’avanzo di amministrazione. L’assessore esterno Antonio Rusconi ha nel dettaglio illustrato tutte quelle voci che discostano per eccesso o per difetto rispetto alla previsione iniziale, fornendo anche una spiegazione per ognuna di essa: “23 mila euro più del previsto da Silea, che ha deciso di redistribuire mezzo milione di utili tra i comuni soci; 20 mila euro in più dalla regione per la R.S.A. “Opera Pia” che, ospitando anziani meno autosufficienti di un tempo, ha diritto ad un indennizzo maggiore e altri 25 mila euro inattesi dovuti all’adeguamento della tariffa degli ospiti della casa di riposo entrati nell’istituto prima del 2010. Ventimila euro in aggiunta anche rispetto alle previsioni per le concessioni cimiteriali, che compensano però i ventimila euro di mancato introito per l’utilizzo del centro sportivo comunale, dovuto al fatto che ci sono meno prime squadre che noleggiano i campi da calcio del Rio Torto per allenamenti e partite. Altri aggiustamenti di bilancio riguardano – sempre in positivo – gli oneri urbanistici e il trasferimento della polizia locale”.

L’avanzo di amministrazione per quest’anno ammonta insomma a 305 mila euro, cinque sono riconducibili all’otto per mille da dedicare al restauro degli organi di culto, mentre i restanti 300 mila dovrebbero essere destinati alla realizzazione di importanti opere pubbliche. Il condizionale è d’obbligo perché trattandosi di un avanzo di gestione, la gare per le opere realizzate con questi fondi devono essere aperte e chiuse entro l’anno, quindi in circa quaranta giorni, altrimenti torneranno a costituire avanzo di amministrazione. “Fortunatamente i progetti che dovrebbero essere finanziati con questi soldi erano già pronti nel cassetto e necessitavano solo di qualche aggiustamento – spiega l’assessore Tentori – e si tratterebbe di: sistemare il terzo lotto di Via Roma, installare le reti paramassi, lavoro che è in programma da quattro anni ed è indispensabile per la sicurezza dei cittadini, e infine completare i lavori della strada per la località San Tomaso. Se per quest’ultimo lavoro, co-finanziato dalla comunità montana, non dovrebbero esserci impedimenti, per i primi due il percorso è più complicato. Dopo l’approvazione del consiglio comunale i progetti saranno sottoposti già da domani nei vari uffici tecnici, per finire entro la settimana prossima al massimo sul tavolo della provincia, la stazione appaltante. Se tutto l’iter si chiuderà entro il 2015 allora i lavori potranno cominciare”. Il provvedimento diventa esecutivo con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione dell’opposizione.

È di nuovo Rusconi a presentare e a fare approvareOPM-VALMADRERA-285x300 all’unanimità il programma degli incarichi individuali di collaborazione autonoma che stipulerà il comune nel 2016. Essi riguardano esclusivamente i quattro medici di struttura e il medico specialista che operano all’interno del R.S.A. “Opera Pia” e ammontano ad un totale di 80 mila euro.

Un’ultima e gradita convenzione che il consiglio comunale di Valmadrera ha approvato all’unanimità è quella con la la Società  Neca’82 di Morganti Irene e C.  S.A.S., “finalizzata alla costruzione a confine tra i mappali 8436-8437 e i mappali 7137-8475 in via Molini”. Come spiega l’assessore Piazza non è altro che “l’ampliamento di un’azienda nella zona antistante la piazza del mercato, per l’espansione dell’attività economia della stessa, dietro il versamento al comune della somma di 60 mila euro al momento stesso della firma”.

 

Manuela Valsecchi

 

 

 

 

Pubblicato in: politica, Valmadrera, Hinterland Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati