DA CALOLZIO A TIRANO, TAGLIARE
I TRENI PER LEVARE I RITARDI.
COSÌ ASPETTIAMO LE OLIMPIADI?

LECCO – È fatta: nonostante il timore iniziale dettato dalla mancanza di infrastrutture, le Olimpiadi 2026 andranno alla Valtellina e a Cortina. Un successo davvero importante, dettato dal grande impegno che, nei limiti del possibile, le autorità e i rappresentanti del territorio hanno cercato di portare avanti negli ultimi mesi. E poi diciamocelo, l’Italia è da sempre nelle simpatie (nel bene e nel male) del mondo intero.

Ora, però, è giunto il momento di ragionare sul da farsi. La questione verte in particolar modo sul trasporto pubblico e sulle ferrovie, settore in cui (si può dirlo senza peli sulla lingua) la Regione ha concentrato tutti i suoi tagli. Ambito di cui si parla ben poco.

> CONTINUA A LEGGERE su

Olimpiadi. Da Lecco a Tirano, tagliare i treni per abbattere i ritardi: così si prepara il 2026?

 

 

Pubblicato in: politica, Città, Lago Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Condividi questo articolo

Articoli correlati