ELEZIONI/VALSECCHI TELEVISIVO,
PECCATI “RISTORATORE”…
COSA COMPRERÀ NAVA, ADESSO?

LECCO – Al Cantun di ball non si parla d’altro: dei “simboli” pop della città acquisiti in un modo o nell’altro da chi punta alla poltrona oggi sotto il posteriore di Virginio Brivio.

Perché se prima – lanciando la volata da molto lontano – il super assessore Corrado Valsecchi era partito capitanando la cordata al salvataggio della tv locale (decotta, certo, ma pur sempre fortemente popolare specie tra gli anzianotti), adesso la chiacchiera del centro cittadino riguarda il patron dei confcommercianti che, per non saper leggere né scrivere si starebbe accattando nientemeno che l’Azzeccagarbugli.

Locale questo assai visibile e la notizia della cui imminente, repentina chiusura ha fatto e fa discutere.

Cosa più impressionante per i lecchesi se non un candidato (sembra) che si compra un posto super conosciuto e a rischio di fine vita?

La tv di Valsecchi, il locale di Peccati – ma la notizia è tutta da verificare). Entrambi, vicini a una candidatura da lati politici opposti e trainata a quanto pare da buone azioni che manco i Boy Scout: salvare l’emittente locale quasi morta e il ristorante super centrale quasi defunto, sa tanto di propaganda elettorale.

E a questo punto, i vecchietti del citato Cantun si chiedono solo: “Cosa andrà ad acquistare Daniele Nava se è vero che anche lui sarà della partita?”.

Il McDonald sul lungolago? No, roba da giovani e stranieri che magari non votano e comunque il Mac funziona bene.

Una villa cadente? Il Bione? Non c’è che da scegliere, l’importante è apparire come il cavaliere bianco che salva un simbolo cittadino in difficoltà.

Dopodiché, si aspetta maggio/giugno del 2020.
Per vedere quale buona azione sarà più buona delle altre.

ElleCiEnne

Pubblicato in: politica, Città, Economia Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati