PIAZZA AFFARI, PAOLO TREZZI
SE LA PRENDE CON VALSECCHI: “ASSESSORE AL FAR CREDERE”

Caro Direttore,
valsecchi118 post sul proprio profilo Facebook negli ultimi due mesi, 86 foto in posa, 33 attribuzioni di meriti in realtà riconducibili alla precedente Amministrazione ebbene, solo oggi, il cittadino scopre, e nemmeno per ammissione diretta, che Corrado Valsecchi, il vicedio, l’Assessore della trasparenza, l’assessore social, l’Assessore delle opere pubbliche, della Lecco del Turismo, della Grande Lecco, il sindaco in pectore, l’Assessore del “ghe pensi mi”, è anche l’assessore al Raider Park. Perché nientepopodimeno la nuova Piazza Affari di cui ha riempito giornali e internet con interviste e dichiarazioni avrà, ha, quattro pali da 8 metri ciascuno, piantati nel cuore, che precludono e precluderanno, tutto ciò che è diverso dal borseggio e dal parcheggio.

La delusione che si prova dopo questo Pasticciaccio brutto di Piazza Affari che come cittadini abbiamo scoperto, buon ultimi, solo ieri e lo scoramento educato ma visibile, nelle parole condivisibili dell’Assessore alla Cultura, Simona Piazza, è, per parte mia, peggiorata con lo scaricabarile di oggi e appunto un piccolo giro sulla pagina Facebook dell’Assessore Valsecchi.

Quest’ultimo pare fare due parti nella stessa commedia.
Lo smemorato e il prepotente.
Gonfiando il petto, dice che “chi aveva da ridire doveva parlare 12 anni fa. Non ora”.
Che può essere anche, parzialmente vero, però il Sindaco Brivio poco prima ha detto che è sempre stato pensato come Parcheggio quindi anche essere arrivati 12 anni fa, tale sarebbe restato.

E poi, di grazia, chi avrebbe dovuto dirlo prima? Chi, i cittadini? Avremmo dovuto dirlo noi, sul serio? E cosa facevamo alzavamo la manina in consiglio Comunale al posto di tutti quelli che in questi anni ci sono passati? E’ stato mai presentato, di grazia, alla cittadinanza il Progetto prima che diventasse esecutivo?
Roba da matti, il prepotente.

FB VALSECCHI SU PIAZZAFFARIE poi, di grazia, anche se proprio fosse, mi si spiega perché se questo pasticciaccio brutto di Piazza Affari si sapeva da 12 anni cioè che non poteva diventare anche un’arena per gli spettacoli perché allora lo stesso Assessore Valsecchi sul suo profilo FaceBook il 22 febbraio scorso, cioè solo un mese fa, non cinque e nemmeno dieci anni fa, solo un mese fa, continuava a promettere, giurare e spergiurare che lì dentro sarebbero stati fatti anche spettacoli e opere liriche come gli anni passati?
Infatti scriveva: “Su questo non c’è dubbio. La piazza in occasione di concerti e spettacoli smetterà per quella sera di essere parcheggio….” e poi a ruota la portavoce di Appello per Lecco: “cinema sotto le stelle” e il capogruppo Cine Corti confermare: “D’estate dovrà essere centro di spettacoli come lo era negli anni passati…”.
Se non fosse uscita la notizia Lei Direttore dice che l’Assessore Valsecchi ce lo avrebbe detto che la sua era un’altra farloccata? Quando non può, o non è in grado di risolvere le cose, spera che la gente, i cittadini, si dimentichino o cambia argomento.

L’Assessore del Far Credere Umanamente e politicamente, sconfortante.
Pensate a quando questi superAssessori tronfi del “ghe pensi mi”si autodefinivano “professionisti del fare”.
Non sarebbe stato più prudente, visti i risultati, chiamarsi “Dilettanti del fare”?
L’Assessore del Far Credere

Paolo Trezzi

 

 

Pubblicato in: Cultura, Lettere a LeccoNews, politica, Città, Economia Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati