PONTE VECCHIO, MALGRATE:
“PENALIZZATI”, CAMPIONE:
“MAI PIU’ DOPPIO SENSO”

Ponte vecchio uscitaMALGRATE – A Lecco ci si lamenta per il traffico, dopo il nuovo regime sul ponte vecchio, ma a Malgrate non si sta certo meglio. “La situazione di Malgrate è la più complicata di tutto il circondario”. Giovanni Codega, sindaco del piccolo paesino, non ha dubbi. Il senso unico in uscita dal ponte Azzone Visconti di Lecco sta creando problemi ai malgratesi. “Siamo stati doppiamente penalizzati – spiega il primo cittadino -: per l’istituzione del nuovo regime di traffico, ma soprattutto per l’obbligo di svolta a destra istituito dall’Amministrazione provinciale. Così le automobili intasano la zona del porto, i pedoni hanno difficoltà a parcheggiare e i residenti a utilizzare le proprie vetture”.

codega gianniLa soluzione di Codega sarebbe quella di realizzare una rotonda all’uscita del ponte. “Abbiamo già presentato un progetto in Provincia, ma ancora non abbiamo ricevuto risposte – afferma -. Penso che in questo momento sia una soluzione utopistica quella di tornare al doppio senso di marcia, quindi è meglio lasciare il senso unico in uscita da Lecco e installare una rotonda a Malgrate, per far defluire il traffico”.

Ricostruire anche solo una passerella laterale per pedoni e ciclisti “è impossibile”. “Prima di tutto perché il Ministero ha espresso parere contrario – spiega – poi per un intervento del genere servono i finanziamenti, ma in ogni caso il Patto di stabilità farebbe saltare tutto”.

Vittorio campione primo pianoIl sindaco di Malgrate si toglie qualche sassolino dalla scarpa nei confronti dei colleghi del capoluogo e della Provincia. “C’è chi non sta gestendo la situazione e chi pensa solo a fare ripicche – sottolinea – senza però capire che il traffico è un problema serio e reale. Il Comune ha fatto una sperimentazione in questi ultimi mesi, ma Villa Locatelli sta cercando di farla fallire in tutti i modi. Invece ognuno dovrebbe cercare di farsi carico delle difficoltà altrui”.

L’assessore alla Viabilità di Lecco Vittorio Campione invece giudica “positivi” i primi giorni a nuovo regime “anche se non abbiamo ancora dati certi in mano”. In ogni caso il vicesindaco fa sapere che “il ponte non potrà più tornare a doppio senso: perché dovremo costruire protezioni più sicure ai lati, che restringeranno la corsia, inoltre dobbiamo aspettare le analisi del Politecnico, ma dubito che la struttura possa reggere il traffico di prima”.

Fabio Landrini

 

Pubblicato in: Città, Hinterland Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati