TASI/PER LA CISL “DEMAGOGIA,
INCERTEZZE, DIFFERENZE”

Colleoni CISL LECCO

Valerio Colleoni – CISL Lecco

I CAF si sono attivati per dare assistenza ai lavoratori e ai pensionati e questo in un periodo di piena attività per le dichiarazioni 730 e Unico, creando spiacevolissime code e condizioni di disagio a chi responsabilmente voleva pagare quanto dovuto (e i lavoratori e pensionati facendo ressa non hanno mollato).

Le incertezze sono poi legate alle differenze di un tributo comunale che gli stessi Comuni hanno deliberato con tutta la fantasia permessa dalla legge, andando anche oltre con le scadenze. Queste differenze e incertezze sono il frutto della demagogia di un potere che ha messo in scacco i cittadini, confondendo un tributo con una patrimoniale. L’esperienza recente ci dà alcune indicazioni. Non bisogna prendere in giro i cittadini, bensì riformare davvero il catasto, come il governo si è impegnato a fare entro la prossima primavera. Non bisogna avere paura delle patrimoniali se si regolano su quanto rendono; i Comuni vanno messi nelle condizioni di attrezzarsi per chiedere i tributi con bollettini predisposti, va evitata la faticosa autoliquidazione soprattutto per chi non ha il commercialista in casa.

Le persone che noi conosciamo sono convinte di dovere e volere pagare le tasse e i tributi, ma senza vessazioni demagogiche, con certezze e meno differenze di oggi, se davvero i cittadini sono uguali davanti alla legge.

Valerio Colleoni
Segretario generale aggiunto Cisl Monza Brianza Lecco

 

 

Pubblicato in: Lettere a LeccoNews, Città, Economia

Condividi questo articolo

Articoli recenti