165 ANNI DI POLIZIA DI STATO.
GLI AGENTI PREMIATI E I NUMERI
DEL NOSTRO TERRITORIO

festa polizia di stato 2017 questura (8)LECCO –  Alle 10 l’atto iniziale dei festeggiamenti per il 165esimo anniversario della Polizia di Stato con la solenne deposizione della corona d’alloro sulla lapide in memoria dei suoi Caduti. Queste le parole di encomio e gratitudine del Cappellano della Polizia lecchese, Don Andrea Lotterio: “165 anni della polizia. In questo giorno per ricordare che il bene comune va perseguito e scelto ogni giorno. E scegliere il bene comune vuol dire dare la propria vita e oggi è occasione per ricordare quanta solidarietà e fratellanza di quelli che tra voi hanno dato la vita. Oggi è il giorno per dire grazie a ciascuno di voi per come portate avanti un compito gravoso. Augurio che sappiate guardare ogni creatura con amore come fa Dio per proteggerla dal male”.

Poi il trasferimento alla Camera di Commercio. “165 anni fa nasceva il ‘Corpo delle guardie di pubblica sicurezza’, primo nome della Polizia di Stato, con solo due compagnie a Genova e a Torino”.  Si concede una piccola digressione storica il Pischedda Francesco 1P DIVISAVicario del Questore, Gabriella Acca, all’inizio del suo discorso alla platea istituzionale in occasione dell’odierna ricorrenza della Festa della Polizia di Stato, per sottolineare “quanto lungo e importante è stato il nostro percorso, sempre al servizio dei cittadini. Un servizio – prosegue – che ha contributi altissimi per noi. E in questa provincia abbiamo avuto una perdita lacerante, quella dell’agente Francesco Pischedda, una giovane vita dedicata con orgoglio e onore alla Polizia di Stato”. Carico di commozione il minuto di silenzio in ricordo del poliziotto. “La grande famiglia della Polizia non vi abbandonerà”, promette ai cari della vittima del tragico incidente il Vicario.

sebastiano pettinato

“Un grande abbraccio va anche a Sebastiano Pettinato, che Dio ha voluto che sia ancora con noi e a tutti quei ragazzi presenti in quelle operazioni che hanno dunque vissuto quei tragici momenti”.  I sacrifici compiuti dagli uomini e dalle donne della Polizia sono anche commemorati e omaggiati con riconoscenza nei discorsi del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del Ministro dell’Interno, Marco Minniti e del Capo della Polizia, Franco Gabrielli, letti ufficialmente all’inizio della celebrazione.

Onere, ma sopratutto onore, del Vicario Questore illustrare i numeri e i risultati raggiunti dai suoi agenti: “Non voglio annoiarvi con numeri [qui tutte le statistiche] – dice Gabriella Acca dopo aver ringraziato il prefetto, i rappresentanti istituzionali (il presidente della Provincia Flavio Polano e la vicesindaco Francesca Bonacina), Monsignor Cecchin e l’ex questore Gabriella Ioppolo -. In generale, sono diminuiti i reati a maggior allarme sociale, come rapine, furti, estorsioni; un solo omicidio quest’anno. Sono però aumentati i casi di frode digitale in linea con i dati nazionali, passando da 723 a 809. Il calo dei reati delittuosi – commenta la dottoressa Acca – è segno dell’efficacia della strategia di prevenzione che ha per noi l’assoluta priorità. Sono state mappate le zone più colpite e si è quindi proceduto a potenziare le attività di controllo. In un anno 2.464 pattuglie si sono mosse nel territorio oltre a quelle della Stradale”.

festa polizia di stato 2017 questura (2)

Una strategia di deterrenza, dunque, che si accompagna all’obiettivo di creare fiducia nei cittadini negli organi ufficialmente investiti della sicurezza e all’impegno di realizzare sempre più nella quotidianità il motto scelto anche quest’anno per la Festa della Polizia “esserci sempre”, al fine di far cessare la “paura del crimine”, molto spesso non legata al numero di reati effettuati o a un reale pericolo. In questo senso vanno inserite le numerose campagne di informazione per i cittadini promosse dalla Polizia e nelle scuole, primo luogo per la diffusione del rispetto delle regole di convivenza civile e della libertà altrui.

“Ma signori, non basta mai! – conclude il Vicario – Sentiamo il bisogno di fare sempre di più!”.

165-festa-polizia

PROMOZIONE PER MERITO STRAORDINARIO Concesso al Vice Sovrintendente Michele Vasta alla qualifica di Sovrintendente con la seguente motivazione: “Evidenziando eccezionali capacità professionali e non comune coraggio, espletava un intervento di soccorso pubblico a favore di una persona che aveva manifestato propositi anticonservativi lanciandosi nel fiume Adda; nella circostanza gettandosi in acqua, riusciva a raggiungere a nuoto lo sventurato, ormai esanime e , vincendo la forte corrente con l’ausilio di due canoisti lo conduceva a riva. Chiaro esempio di abnegazione e spirito di servizio. Lecco, 7 aprile 2015.” Consegna il diploma il Prefetto della Provincia di Lecco Dott.ssa Liliana Baccari.

ENCOMIO concesso al Commissario Capo Marco Cadeddu con la seguente motivazione: “Dirigeva una indagine di Polizia Giudiziaria che si concludeva con l’esecuzione di misure cautelari nei confronti di quattordici persone responsabili di spaccio di stupefacenti. Evidenziava, nella circostanza, notevole intuito investigativo e capacità professionale. Lecco, 11 settembre 2015”. Consegna Il diploma il Vicario del Questore Dott.ssa Gabriella Acca.

ENCOMIO concessa al Sovrintendente Capo Vincenzo Mazzilli, e all’Agente della Polizia di Stato Antonio PAPA con la seguente motivazione: “Si distinguevano in una indagine di Polizia Giudiziaria che si concludeva con l’esecuzione di misure cautelari nei confronti di quattordici persone, responsabili di spaccio di stupefacenti. Evidenziavano, nella circostanza, notevole intuito investigativo e capacità professionale. Lecco, 11 settembre 2015.”. Consegna i diplomi il Prefetto della Provincia di Lecco Dott.ssa Liliana Baccari.

LODE concessa all’Assistente Capo della Polizia di Stato Michele Tarantelli, e all’Assistente della Polizia di Stato Alessandro Stabile con la seguente motivazione: “Partecipavano ad una indagine di Polizia Giudiziaria che si concludeva con l’esecuzione di misure cautelari nei confronti di quattordici persone, responsabili di spaccio di stupefacenti. Davano prova, nella circostanza, di intuito investigativo e capacità professionali. Lecco, 11 settembre 2015”. Consegna i diplomi ilVicario del Questore Dott.ssa Gabriella Acca.

LODE concessa al Sovrintendente Capo della Polizia di Stato Vincenzo Mazzilli, e all’Assistente della Polizia di Stato Alessandro Stabile con la seguente motivazione: “Dando prova di capacità professionali, si distinguevano in una attività di Polizia Giudiziaria che si concludeva con l’arresto di un cittadino straniero per detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti, nonché col sequestro di ventuno kilogrammi di hashish e trenta grammi di cocaina. Lecco, 11 dicembre 2015”. Consegna il diplomi il Prefetto della Provincia di Lecco Dott.ssa Liliana Baccari.

LODE concessa all’Assistente Capo della Polizia di Stato Roberto Necchi e all’Agente della Polizia di Stato Giuseppe Tumminello con la seguente motivazione: “per l’impegno profuso nel partecipare ad un’operazione di polizia giudiziaria che consentiva la cattura di un malvivente che, insieme ad altri due rimasti sconosciuti era stato sorpreso a bordo di una autovettura provento di furto. Colico, 2 febbraio 2017”. Consegna il diplomi il Vicario del Questore Dott.ssa Gabriella Acca.

 

 

 

Pubblicato in: Eventi, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati