80.000 EURO E 485 GIOVANI
I NUMERI DEL SUCCESSO
DI LIVING LAND ESTATE

living land ragazzi lavoro 2LECCO – 485 giovani coinvolti, più di 100 enti ospitanti e oltre 80.000 euro erogati in buoni acquisto. Sono da poco terminate le attività estive di “Living Land – in azione per il benessere locale”, progetto triennale che si propone di sperimentare nuove forme di welfare condiviso. Di assoluto rilievo i dati emersi da una recente attività di report portata a termine dai partner del progetto finanziato dal bando di Fondazione Cariplo di cui Consorzio Consolida è ente capofila.

L’attività estiva si è strutturata capillarmente su tutto il territorio provinciale attivando Living Lab specifici concepiti come ambienti di innovazione aperti che si prefiggono di coinvolgere attivamente gli utenti finali permettendo così di concreare servizi, prodotti ed infrastrutture. Nello specifico sono stati attivati i Lab che riguardano le nuove generazioni, i quali si propongono di fornire un supporto ad adolescenti e famiglie che si trovano ad affrontare il delicato passaggio dall’adolescenza alla vita adulta. L’obiettivo di queste attività è stato quello di fornire ai giovani la capacità di orientarsi nelle scelte della vita e sviluppare potenzialità e competenze utili alla vita adulta.

living land ragazzi lavoro 1Il progetto in questa prima fase operativa ha coinvolto 485 ragazzi provenienti da tutta la provincia di Lecco. 415 adolescenti hanno preso parte alle esperienze pre-lavorative di gruppo, riqualificando spazi pubblici, coltivando orti sociali, sperimentandosi negli agriturismi, nei musei e negli uffici turistici; altri 80 ragazzi hanno svolto tirocini individuali in aziende e cooperative del territorio. Questi numeri ben evidenziano il reale e attivo coinvolgimento della popolazione nel progetto che si è concretizzata anche in attività manuali come manutenzione aree pubbliche, coltivazione di orti sociali, lavori in agriturismi nonché attività di animazione sociale e culturale (musei, cres, uffici turistici). Variegato quindi il panorama degli oltre 100 enti ospitanti, da oratori a enti pubblici, passando per esercizi commerciali ed agriturismi del territorio che a vario titolo hanno deciso di ospitare i giovani durante le loro attività. Tale adesione è particolarmente significativa e denota la peculiarità del progetto che intende, tra i suo vari obiettivi, creare un dialogo concreto tra mondo no profit e profit.

Tra i numeri di questa prima tappa di Living Land degni di nota, rilevante è l’ammontare dei fondi erogati in buoni acquisto o in denaro destinati ai ragazzi in cambio delle attività svolte corrispondente ad oltre 80.000 euro.

living land ragazzi lavoroI Living Lab hanno rappresentato un successo non solo dal punto di vista partecipativo, ma anche sotto il profilo della qualità dell’esperienza, infatti oltre il 97% dei ragazzi si è dichiarato soddisfatto di aver preso parte al progetto e ripeterebbe o consiglierebbe questa esperienza. Questo dato positivo è altresì confermato dall’alto livello di soddisfazione registrato dagli enti ospitanti che si sono dimostrati disponibili a rinnovare l’esperienza presso le proprie strutture. Interessante è stata anche la dimensione di cura verso le nuove generazione messa in campo dalla comunità: numerosi gli imprenditori, gestori di aziende agricole, pensionati, volontari del paese e operatori comunali che hanno accompagnato i giovani nelle diverse esperienze e attività fornendo loro importanti elementi utili alla loro crescita individuale.

Il coinvolgimento attivo dei diversi enti pubblici e privati del territorio, la realizzazione di progetti concreti nell’area lecchese e l’attivazione di un contatto diretto con le nuove generazioni sono gli ingredienti che hanno reso vincente questo ciclo di attività che apre le porte alle proposte Living Land dell’autunno focalizzate sul filone Terza età e disabili.

 

 

 

Pubblicato in: Giovani, Civate, Valmadrera, Calolziocorte, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News

Condividi questo articolo

Articoli recenti