A MALGRATE UN’ONDATA BLU
DI NOTE GOSPEL

MALGRATE – Effervescenti senza smentirsi, i Sol Quair di Lecco, brillantemente diretti da Giuseppe Caccialanza, con Daniele Rossi al basso, hanno invaso di allegria e spirito afroamericano l’elegante Quadreria di Malgrate.

OK4

Ospitati dall’amministrazione comunale, hanno saputo infondere, al termine di queste festività, il sapore sempre gradito dei generi Gospel e Spiritual. La corale ha impresso nel pubblico un sorriso e un divertimento sincero, dovuto a quell’innata capacità di coinvolgimento che le è da sempre dichiarata caratteristica.

Trascinatore e grande comunicatore il maestro che, danzando tra pianoforte, direzione del coro e presentazione dei brani, ha catturato i presenti invitandoli alla riflessione, al canto e all’aiuto reciproco, tre caratteristiche tipiche della cultura degli “schiavi d’America” e che sono alla base della vita sociale. OK2Nelle esibizioni dei Sol Quair non manca mai il riferimento preciso alla nascita di questi brani; lo Spiritual, venuto prima e che generalmente include brani a cappella (senza ausilio strumentale), accoglie i testi della Bibbia che gli schiavi africani, portati dagli europei in America per i lavori forzati, cantavano durante il giorno, per cercare la speranza e il respiro della libertà.

Il Gospel è più recente e, quasi sempre con l’accompagnamento strumentale, si avvicina ai testi dei Vangeli, paragonandosi così alla musica liturgica moderna della chiesa cristiana. Due tra i generi musicali di ispirazione popolare più apprezzati e diffusi, che il coro ha interpretato con la giusta misura, in equilibrio tra preghiera e gioia di pregare.

Tra i pezzi presentati una brillante Kumbaya con accompagnamento di percussioni, un brano tratto dalla colonna sonora di Sister Act e il brano pasquale (come ha precisato il maestro) Oh Happy Day, chissà perché sempre in voga nel periodo natalizio. Tutto il concerto comunque apprezzato ed applaudito, suggestivo e davvero animato.

Stimolante il commento di Caccialanza nel provocare sul tema della preghiera, tema centrale degli spiritual: “Preghiamo quando abbiamo un problema, chissà perché mai quando siamo felici? Cantare e pregare sorridendo!”

Michele Casadio

 

Pubblicato in: Cultura, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati