ABOLIZIONE DEI PICCOLI COMUNI?
PESCATE: “BATTAGLIEREMO”,
CIVATE: “SÌ AI SERVIZI INSIEME”

dante de capitani pescateLECCO – La proposta di legge firmata anche dal brianzolo Gian Mario Fragomeli (Pd) per l’abolizione dei Comuni sotto i cinquemila abitanti non ha molti fan tra gli amministratori.

È duro sull’argomento il primo cittadino di Pescate Dante De Capitani che, come da suo stile, promette battaglia: “Noi piccoli Comuni venderemo cara la pelle. In particolare Pescate rimarrà autonomo a costo di iniziative clamorose come già ho avuto modo in passato di mettere in atto. Dovranno passare sul mio cadavere per togliere dalla geografia istituzionale il nostro Comune”.

baldassarre mauriBaldassarre Mauri, sindaco di Civate, invece loda le collaborazioni tra le amministrazioni, ma non le unioni dei Comuni. “Non possiamo dare servizi sostanziosi ai cittadini, così stiamo cercando di unire le prestazioni. Con Valmadrera abbiamo già stretto accordi, così come con Galbiate. Sinceramente sono un po’ restio per l’unione territoriale visto che non deve essere persa l’identità dei paesi, ma se arriva una legge che lo impone non possiamo tirarci indietro. In questo caso però dovremmo muoverci prima del Governo, tenendo conto delle nostre problematiche. In questo caso Civate, Valmadrera e Malgrate formano un’unica e grande area geografica”.
.
.

MALUMORE IN MATERIA ANCHE IN VALSASSINA:

SONY DSCABOLIZIONE DEI PICCOLI COMUNI? FERRARI (SINDACO DI BARZIO): “FACILI CERTE SPARATE DA ROMA…”

BARZIO – Andrea Ferrari, sindaco di Barzio, si scaglia contro la proposta di legge firmata anche da Gian Mario Fragomeli (Pd) per abolire i Comuni sotto i cinquemila abitanti. “Innanzitutto la soglia minima di residenti andrebbe spiegata – afferma il primo cittadino –. Senza contare poi che, soprattutto in Valsassina ci si troverebbe a gestire territori con […]

..

Pubblicato in: politica, Civate, Hinterland, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati