AL VIA “ROAD TRASH 4”:
RACCOLTA DEI RIFIUTI
LUNGO LE STRADE EXTRAURBANE

LECCO –  “Un’iniziativa di successo che abbiamo voluto riproporre anche per il 2014, nonostante i problemi di bilancio, perché nei tre anni precedenti abbiamo riscontrato il gradimento delle amministrazioni locali, che sono riuscite a risolvere anche problemi di degrado ambientale. Road Trash rappresenta un ottimo esempio di collaborazione tra Provincia, Comuni e Società di gestione di un servizio pubblico essenziale”.

Così l’assessore provinciale all’Ambiente Carlo Signorelli commenta il rendiconto del terzo anno del progetto Road Trash, promosso e finanziato da Provincia di Lecco e SILEA S.p.A., che ha gestito operativamente il piano di lavoro, per rispondere allo spiacevole fenomeno dell’abbandono dei rifiuti lungo le strade extraurbane.

ROAD TRASHNel terzo anno di attuazione del progetto la collaborazione tra gli attori coinvolti ha portato ai seguenti risultati:
· interventi effettuati: 51, di cui 19 relativi ad abbandoni di rifiuti costituiti da cemento-amianto
· quantità di rifiuti rimossi: 113 tonnellate
· costi sostenuti dalla Provincia: 70.000 euro

Tra gli interventi di rilievo, il recupero delle autovetture depositate sul fondo dell’Adda a Brivio, la rimozione dei rifiuti lungo la scarpata a Dorio, effettuati ad aprile, la consueta pulizia dei bordi delle strade percorse dal Giro di Lombardia a ottobre.

In considerazione dell’apprezzamento e dei risultati positivi dell’iniziativa, Provincia e SILEA hanno ritenuto di proseguire la collaborazione, prorogando la validità del protocollo d’intesa a suo tempo sottoscritto per il biennio 2014-2015.

Le modalità di adesione da parte dei Comuni sono rimaste invariate: i Comuni interessati dovranno segnalare alla Provincia (Settore Ambiente, Ecologia, Caccia e Pesca – Servizio Rifiuti) le situazioni di abbandono più rilevanti; la Provincia raccoglierà le segnalazioni pervenute, selezionando i casi meritevoli di un intervento per la successiva fase operativa.

I Comuni che beneficeranno degli interventi si dovranno impegnare, per quanto di competenza, ad adottare tutte le misure necessarie per disincentivare in futuro l’abbandono di rifiuti lungo le strade extraurbane, attraverso campagne di informazione e sensibilizzazione e deterrenti, quali videosorveglianza e recinzioni.

“Progetti come questo – conclude l’assessore Signorelli – fanno capire il valore dell’Ente Provincia nel coordinamento di iniziative che i singoli Comuni, soprattutto se di piccole dimensioni, non potrebbero organizzare con la stessa efficacia ed economicità”.

 

Pubblicato in: Città, Hinterland, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati