DISOCCUPATO CON LA PORSCHE: ARRESTATO 31ENNE OLGINATESE.
TRAFFICAVA DROGA SUL DEEP WEB

conferenza questura 30 nov 2015LECCO – Il traffico di droga internazionale passa per il Lecchese. E veniva gestito su internet. E così, le indagini nel deep weed, ha portato gli uomini della squadra mobile della Polizia di Stato di Lecco ad arrestare Alberto Villa, 31enne di Olginate.

L’indagine è partita da una serie di controlli mirati sulla rete per sgominare lo spaccio di sostanze stupefacenti. Il deep web è infatti una tecnologia gestita da browser di difficile accesso, una vera giungla terreno fertile per le attività criminali.

E così gli agenti della Questura hanno individuato Villa, disoccupato da tempo ma con una Porsche Cayman, tre moto di grossa cilindrata e una barca ormeggiata a Garlate. Così giovedì scorso sono scattate le perquisizioni nell’abitazione di Olginate, a Lodi e a Milano nelle abitazione di alcuni conoscenti stretti e a Roma, casa di un potenziale cliente.

Nello scantinato a Olginate gli agenti hanno trovato uno studio in cui erano presenti computer di ultima generazione, di cui uno abilitato per navigare nel deep web, e alcune stampanti. I tecnici della polizia hanno effettuato un backup di tutto l’archivio.

alberto villa arrestatoUtilizzando Jerry, un cane antidroga, all’interno di un tombino nel cortile della villa sono stati rinvenuti 600 grammi di cocaina, oltre a 100 grammi di mdma e 4,5 chili di hashish.

Nell’abitazione sono stati trovati pacchetti di droga pronti per essere spediti anche all’estero, tutto il necessario per confezionare la droga, una pistola calibro 9×18 con matricola abrasa e quasi 32mila euro in contanti nascosti in alcuni libri. Rinvenuto anche un “paper wallet”, un portafoglio elettronico con 33bit coin di 11mila euro.

Villa, secondo le indagini, acquistava grandi quantità di droga che confezionava in casa e contattava i clienti tramite deep web, facendosi pagare in bit coin per lasciare meno tracce possibili.

Arrestato, è accusato di detenzione a fine di spaccio, anche con finalità internazionale, di sostanze stupefacenti, possesso e fabbricazione documenti di riconoscimento falsi, falsità materiale commessa dal privato in atto pubblico, contraffazione impronte di una pubblica autentificazione e certificazione, detenzione di arma clandestina e detenzione abusiva di munizioni.

 

Pubblicato in: Hinterland, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati