AUTO RINGIOVANITE E TRUCCATE
MAXI FRODE TRA VARESE E COMO
IN MANETTE DUE LECCHESI

polstrada polizia stradaleLECCO – Quattro arresti tra Lecco e Como per associazione a delinquere per frode commerciale, dodici denunce per concorso. “Ringiovanivano” le auto manomettendo i contachilometri, per una frode stimata di circa 3 milioni di euro all’anno. Ad eseguire l’indagine  la Polizia Stradale di Varese.

Mascheravano l’attività illecita dietro a una legale ditta di riparazione di apparecchi elettronici e digitali i due professionisti di Lecco , M.G. e A.G., padre e figlio, che sono stati arrestati stamane dalla Polstrada di Varese. Le auto venivano ritirate da un autonoleggio della provincia di Bolzano e giungevano a Como, dove i lecchesi sarebbero intervenuti per “ringiovanire” l’usura dei veicoli (da qui il nome “operazione Elisir”)  per renderli più commerciabili aumentando illecitamente il valore del mezzo anche del 60% rispetto alle quotazioni reali.

Non secondario all’illecito il rischio per la sicurezza degli ignari acquirenti/passeggeri del veicolo manomesso, in quanto lo sfasamento dei chilometri percorsi comporta una modifica alle tempistiche dei controlli meccanici previsti dai costruttori.

L’indagine Elisir è iniziata nel 2015 dopo controlli su strada e in alcuni autosaloni effettuati dalle pattuglie della Polstrada varesine. L’attività criminale è stata ora interrotta, ma prosegue l’attività di controllo della Polizia. Gli agenti invitano infine a dubitare di eccessivi ribassi del prezzo dei veicoli, e di verificare ove possibile con i precedenti proprietari lo “storico” del automezzo.

 

 

 

 

Pubblicato in: Dal mondo, Città, Economia, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati