CHIESA DI BOBBIO: “SCAGIONATI”
SINDACO E PARROCO DI BARZIO.
NON FU ABUSO D’UFFICIO

BOBBIO-CHIESA-CON-SCAVI-DAVANTILECCO – Non sussistono elementi idonei e sufficienti a sostenere l’accusa in giudizio: così il Sostituto Procuratore della Repubblica Paolo Del Grosso motiva la richiesta di archiviazione per il caso “chiesetta di Bobbio”. Niente abuso d’ufficio dunque per il sindaco di Barzio Andrea Ferrari e nessun abuso edilizio per il parroco del paese, don Lucio Galbiati, e ciò perché, nonostante una certa “disinvoltura” nell’azione, non sussisterebbe ciò che in termini giuridici è detto “doppia ingiustizia”, nello specifico non vi sarebbe alcun ingiusto vantaggio patrimoniale procurato a terzi con danno per il Comune.

La vicenda è quella dei lavori di messa in sicurezza dei gradini di ingresso al santuario ai Piani di Bobbio, richiesti dal prete e a cui il primo cittadino ha riconosciuto il carattere d’urgenza…

> Continua a leggere su Valsassinanews

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in: Religioni, Montagna, Valsassina, Economia, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati