MANGIONI/STOP ALLE NASCITE. L’AZIENDA: “LA REGIONE
NON CI HA INTERPELLATO”

clinica mangioniLECCO – Un fulmine a ciel sereno. Così dalla clinica G.B. Mangioni di Lecco hanno accolto la decisione della Regione Lombardia di chiudere il loro punto nascita.

“La delibera – si legge in un comunicato ufficiale inviato da GVM Care & Research, il gruppo dal quale dipende tra le altre anche la Mangioni – è intervenuta in assenza di un preventivo nostro confronto con l’assessorato regionale, ancorché fosse stato intrapreso da alcuni mesi un tavolo bilaterale con la ASL di Lecco finalizzato sia alla condivisione delle migliori modalità con cui dare garanzia di continuità e qualità alle gestanti assistite dalla nostra struttura, che alla coerente e funzionale ridistribuzione delle figure professionali nell’ambito delle attività assistenziali del punto nascita”.

La posizione della clinica lecchese è chiara e lo è ancor di più in riferimento al numero di parti che, secondo l’azienda, si avvicina molto a quota 500, indicata dalla Regione come limite entro il quale si possa garantire l’attività dei punti nascita:”La decisione assunta dalla Regione Lombardia si inquadra in un percorso di razionalizzazione, con soluzioni di tipo aggregativo, dei luoghi ritenuti idonei al parto, fondando pertanto il criterio selettivo su base esclusivamente numerica, a prescindere dalla qualità dei servizi erogati alla mamma e al nascituro, elementi questi che hanno reso nota e apprezzata GB Mangioni sin dalle sue origini, tanto da registrare negli ultimi anni un numero crescente di parti, sempre prossimi alle 500 unità. Fiduciosi del comune desiderio, nostro e della dirigenza ASL, di poter trovare una condivisa soluzione auspichiamo che, da un lato, non si depauperi la capacità della nostra struttura di fare fronte al bisogno di salute dell’area lecchese, mantenendone inalterate le attuali potenzialità e, dall’altro, non si determinino effetti sostanziali sul piano occupazionale. Ci riserviamo pertanto di svolgere ulteriori approfondimenti per il perseguimento delle migliori tutele dell’azienda e dei nostri lavoratori”.

Mancano oltre due mesi al giorno di chiusura del punto nascita della Mangioni, i giochi non sono ancora chiusi e probabilmente da qui a dicembre tra i vertici dell’azienda e la Regione Lombardia si aprirà un tavolo di trattative. La partita è ancora lunga.

Elena Pescucci

 

 

Pubblicato in: Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati