CIVICHE BENEMERENZE A SALA, ELDA CATTANEO E ALLA OYKOS.
VETI POLITICI: NO A CESANA

LECCO – Decise ieri a Palazzo Bovara dall’apposita commissione le assegnazioni delle benemerenze cittadine (quest’anno tre contro un massimo possibile di cinque). sala angeloPiù dei voti pare siano stati i veti e così in varie occasioni ci sono stati contrasti, anche forti, su alcune delle 19 candidature presentate da vari soggetti.

Ma partiamo da chi la civica benemerenza l’ha ottenuta: Angelo Sala (alla memoria), noto giornalista e scrittore scomparso 61enne giusto due anni fa; Elda Cattaneo (l’attiva segretaria del Comitato Gemellaggi del Comune di Lecco); e infine l’associazione di volontariato Oikos che si occupa di disabilità fisica e sensoriale.

cesana lucaI riconoscimenti verranno consegnati come sempre in occasione della festa di San Nicolò, il 6 dicembre.

Vari come si diceva i veti che hanno “bruciato” diversi nomi.
La politica è intervenuta di brutto, in particolare contro un altro recente scomparso, ovvero Luca Cesana, l’ex assessore alla Cultura deceduto a 46 anni nel novembre 2014 che Lega e PD hanno eliminato malgrado gli sforzi del sindaco Virginio Brivio che ha cercato in tutti i modi di mediare.

Ai leghisti pare non essere ancora andata giù la cacciata da palazzo dell’ex sindaca Antonella Faggi (manovra “firmata” anche dallo stesso Cesana) scotti g francoe paradossalmente la candidatura di un ex radicale, pro aborto ecc. ecc. era risultata gradita dalle parti di Cielle (Boscagli) ma non, appunto in casa Lega. E PD, malgrado gli interventi di Brivio a favore del riconoscimento a Cesana.

Altro “trombato” eccellente (ma vivente, avrà altre occasioni in futuro) un intellettuale lecchese di vaglia quale Gianfranco Scotti, a sua volta depennato dalla lista dei potenziali “benemeriti”.

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, politica, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati