CONSUMI, A LECCO COMPRATI PIU’ ELETTRODOMESTICI E AUTO USATE

MILANO – L’andamento del PIL in Lombardia è migliore rispetto a quello delle altre regioni, il reddito per abitante aumenta e sale anche la spesa complessiva per i beni durevoli. Milano continua a detenere il primato sul panorama provinciale italiano quanto a reddito per abitante e una famiglia lombarda spende per i beni durevoli una cifra inferiore solo a quella del Trentino Alto Adige e della Valle d’Aosta.

A fronte di una media nazionale dello 0,7%, il reddito per abitante nella regione è aumentato dello 0,9%. Una crescita dell’indicatore di poco superiore alla media regionale ha coinvolto Pavia (1,2%) e Bergamo (1%), mentre al di sotto si sono collocate Lecco e Varese (0,8%). Dato il peso rivestito dal capoluogo di regione rispetto alle province non stupisce che solo il reddito per abitante registrato a Milano (27.317 euro) sia superiore alla media regionale (21.317); la città inoltre detiene il primato del reddito pro capite su tutte le altre province italiane.

Nella graduatoria regionale dopo Milano l’indicatore è più elevato a Sondrio (19,932 euro), si attesta sui 18.000 a Cremona, Pavia e Mantova; attorno ai 17.000 a Bargamo, Varese, Lecco e Brescia; più modesto a Como (16.258 euro) e Lodi (14.684 euro). Tutti dati in crescita, nel caso di Lecco si è passati dai 16.968 del 2012 ai 17.143 del 2014.

Secondo i dati dell’Osservatorio sui consumi di Findomestic Banca la spesa familiare per i beni durevoli nella regione è stata di 2.380 euro, il 18% in più della media nazionale; solo Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta hanno registrato un livello più elevato. Per quanto riguarda Lecco ogni nucleo ha invece speso in media 2.352 euro.

Con 194 euro per ogni famiglia, in aumento rispetto al 2013 la spesa per “elettrodomestici grandi e piccoli” (1,7%). Al contrario in calo del 6,4% le spese per l’ “elettronica di consumo” per la quale nel 2014 sono stati impegnati 108 euro. Calano anche gli acquisti nel settore “information technology famiglia” con una variazione in passivo del 5,6% (87 euro per famiglia nel 2014).

Un euro in meno rispetto al 2013 quello investito per i “mobili” (633 euro nel 2014), dati che fanno di Lecco la provincia lombarda meno interessata a quel mercato.

La ricerca Findomestic ha dato ampio spazio al mercato automobilistico. Dopo la flessione del 2013 (-1,8%), cresce nel 2014 il numero di nuove immatricolazioni complessive per aziende e famiglie (7.862 veicoli; +1,6%) portando a 182.637 veicoli il parco circolante (+0,7%).

Estrapolando il dato relativo ai nuclei famigliari le auto nuove sono 6.590, con una variazione del +2,8% rispetto all’anno precedente pari a una spesa per famiglia di 720 euro. Al contrario in calo il dato esclusivamente riferito alle auto aziendali, con 1.272 auto immatricolate, il 4,3% in meno in confronto al 2013, cui si accoda il meno 6,9% del 2013 in rapporto al 2012.

E’ nel settore delle “auto usate” che Lecco registra invece le crescite più marcate, trend però presente in tutta la regione, e spesso con rapporti superiori a quelli lariani. Il parco auto ha toccato nel 2014 la cifra di 12.719, lo 0,8 in più rispetto al 2013 (che alla stessa voce registrò un +3,5%). 561 euro la spesa per famiglia lecchese.

Cala il numero di ciclomotori in circolazione (46.898 veicoli; -0,6%), come calano dello -3,1% le vendite, dato, si potrebbe azzardare, “confortante” se paragonato al tonfo subito l’anno precedente (-24,2%). Si tratta anche in questo caso di trend in conformità con le medie regionali e nazionali.

Guardando le cifre assolute in euro, gli investimenti delle famiglie lecchesi nel 2014, complessivamente si sono spesi 104 milioni di euro per autovetture nuove, 81 milioni per mezzi usati e 7 milioni per motoveicoli. Nel settore elettrodomestici la spesa è stata di 28 milioni mentre 16 milioni di euro sono stati impegnati per l’elettronica di consumo, 13 milioni per l’information technology famigliare, ed infine 91 milioni di euro per l’acquisto di mobili.

> Qui consultabile il report Osservatorio dei consumi 2015 – Analisi del mercato con focus regionali – Lombardia

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in: Città, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati