DA SCARTO A VANTAGGIO:
LECCO OSPITA LA CONVENTION
SUI RIFIUTI COME PROFITTO

rifiuti raccolta differenziataLECCO – Il rifiuto, da scarto, può diventare un vantaggio economico. È questo il principale messaggio lanciato in occasione della presentazione dei risultati del progetto “CSR: Comunità Socialmente Responsabili: Imprese innovative e sostenibili a Lecco” nella sede della Camera di Commercio di Lecco.

Una iniziativa promossa da Terra Project Onlus, in collaborazione con la stessa Camera di commercio di Lecco, l’Associazione Direzione Futuro e Silea, che ha coinvolto quattro aziende del tessuto economico-produttivo lecchese, protagoniste di un percorso sul tema del “waste management” finalizzato a sondare le opportunità di business attraverso la Circular Economy e la Corporate Social Responsibility , in chiave strategica verso un patto per il clima territoriale. Illustrato da Anna Riva, Presidente Terra Project Onlus, e introdotto da Mauro Vaia, Consulente Terra Institute Srl, il progetto “CSR: Comunità Socialmente Responsabili: Imprese innovative e sostenibili a Lecco” ha messo in evidenza l’impegno delle aziende coinvolte nella costruzione di un dialogo e un’alleanza di valore verso dipendenti, clienti e fornitori sul tema del “waste management”, inteso come sistema integrato, con l’obiettivo di comprenderne i bisogni e offrire risposte di valore.

In questo percorso, un ruolo centrale è stato svolto da Silea, quale partner sistemico sul tema. E non a caso il presidente Mauro Colombo ha sottolineato come “contribuire a costruire una comunità socialmente responsabile nei confronti dell’ambiente rappresenti una mission per Silea, in ragione innanzitutto della sua specifica natura di azienda espressione nel settore della gestione e del trattamento del ciclo integrato dei rifiuti della totalità dei comuni della provincia di Lecco, oltre che di due realtà comunali della vicina provincia di Como”. Un processo lungo e complesso, che se da un lato ha consentito di raggiungere ben il 61,9% di raccolta differenziata, dall’altro “deve poter ulteriormente crescere, in una visione positiva e propositiva di una “comunità territoriale” come quella lecchese che mira a rendere le stesse imprese e i lavoratori soggetti attivi di un processo teso a ridurre gli sprechi, contenere i consumi, recuperare e riciclare quanto più possibile, conferire in modo ordinato e differenziato”. Di qui l’augurio che si realizzi “una sorta di “contaminazione positiva”, che possa innescare un processo virtuoso, all’interno del quale Silea intende fare attivamente parte, anche attraverso la creazione di tavoli di lavoro comuni con il mondo delle imprese e del lavoro”.

SPECIALE_SILEA_5 nastro riciPer ElectroAdda di Brivio il progetto ha voluto rappresentare una reale opportunità di crescita, con l’obiettivo di integrare il sistema di gestione dei rifiuti a quelli della qualità, dell’ambiente e della sicurezza. Fondamentale, per la riuscita del progetto, lo sviluppo di un dialogo interno con tutti i collaboratori, con l’obiettivo di accrescere lo spirito di appartenenza e sviluppare una responsabilità diffusa. Tutti, infatti, devono condividere gli obiettivi di CSR definiti dall’azienda.Gli interventi delle aziende coinvolte hanno consentito, da un lato, di far emergere il metodo proposto da Terra Project nell’approccio sistemico al tema e, dall’altro, di presentare i risultati e i possibili sviluppi a medio termine del percorso individuato. Così, per Sircatene di Missaglia, è emerso come il rifiuto, da “inevitabile conseguenza della produzione” possa diventare un elemento di profitto se correttamente gestito, attraverso scelte indirizzate sia alla riduzione degli imballaggi, sia all’aumento della differenziazione e valorizzazione dei rifiuti. Ciò all’interno di un cammino che, dalla creazione in azienda di “green islands”, porti alla valorizzazione del capital umano (“La fabbrica che vogliamo”), promuova una reale interazione positive con il territorio (“La fabbrica che respira”) e approdi alla CSR come valore traducibile anche economicamente come vantaggio competitivo per l’organizzazione aziendale.

Coinvolgimento e corresponsabilità sono state anche le chiavi interpretative proposte da CMM Magatti di Mandello Lario, una realtà metalmeccanica di dimensioni contenute, che ha avuto modo di sottolineare il valore aggiunto che l’estero riconosce a quelle aziende che hanno fatto propria una reale politica di CSR.

think more aboutLa conferenza stampa si è chiusa con l’annuncio che, il 17 e 18 marzo prossimi, Lecco ospiterà l’evento internazionale sulla sostenibilità “Think More About: l’arte della responsabilità che, dopo le edizioni di Zurigo e Bressanone, approderà negli spazi della Camera di commercio di Lecco e del Polo Territoriale di Lecco del Politecnico. Obiettivo del convegno – promosso in collaborazione con Silea, Associazione Direzione Futuro, Camera di commercio di Lecco, Parco Adda Nord, Consorzio Aaster, Cittadellarte e Fondazione Pistoletto – sarà la promozione di un “patto per il clima” che unisca imprese e territori sostenibili e attrattivi.

 

 

 

Pubblicato in: Ambiente, Città, Hinterland, Lago, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati