DADATI (OGGI IMPRENDITORE):
“ALLA VIGILIA DELL’EXPO SIAMO SENZA MATERIALE TURISTICO”

DADATI CON DEPLILECCO – Riceviamo in copia e pubblichiamo questa “Lettera aperta alla Regione Lombardia ed alle Istituzioni di Lecco: Camera di Commercio, Provincia, Amministrazioni comunali, Associazioni di categoria” redatta da Fabio Dadati, ex assessore provinciale appunto al Turismo e ora impegnato in un’attività ricettiva a Malgrate.

Dopo essermi appellato verbalmente alle Istituzioni senza successo, ho deciso di scrivere questa lettera aperta.

Nelle passate settimane gli operatori turistici del territorio di Lecco hanno ricevuto un’email da parte dell’Ufficio Turistico provinciale che comunicava di non aver più a disposizione materiali per i turisti e che, vista la mancanza di fondi della Provincia, non si sarebbero più potuti stampare.

Mancano, quindi: Guide Turistiche del Lago di Como, Mappe con punti di interesse del Lago di Como e molto altro materiale essenziale per offrire un minimo di informazioni e servizi ai turisti che scelgono la nostra il nostro del Lago di Como, la Valsassina e la Brianza.

Mancano materiali in Italiano, ma soprattutto in inglese.

Quando il turista arriva sul territorio ha bisogno di materiale stampato, non digitale.

Questa mancanza è molto grave e danneggia lo sviluppo turistico, che nell’ultimo anno ha subito un significativo rallentamento dopo alcune stagioni di crescita e di record assoluti per arrivi e presenze con particolare sviluppo del turismo internazionale.

Siamo alla vigilia di Expo 2015 e ci presentiamo senza materiale.

Sono convinto che i soldi non possano essere un problema, anche alla luce del fatto che per i progetti messi in campo dalle varie Istituzioni interessate vengono investiti centinaia di migliaia di euro, spesso con duplicati, ad esempio: siti web, campagne di marketing territoriale generico, ecc…

E’, quindi, un problema di capacità di lavorare in rete e di puntare sulle iniziative utili, sia pur umili, ma che siano efficaci per lo sviluppo di un turismo che deve partire dai servizi e dalle informazioni offerte.

Lo dico sulla base della mia esperienza di operatore e delle attività di Amministratore particolarmente impegnato sul turismo (assessore provinciale di Lecco e coordinatore del Tavolo Turismo dell’Unione delle Provincie Lombarde e coordinatore del Sistema Turistico del Lago di Como) dal 2009 al 2013.

Il turismo a Lecco fatica, tolta Varenna ed il centro lago, le altre aree hanno strutture ricettive con occupazione e tariffe molto basse, in molti casi al limite delle sussistenza (30% è l’occupazione media annua delle strutture ricettive).

Il problema nasce sia dalla poca propensione degli operatori a lavorare insieme mettendosi in rete, che dalla tendenza analoga delle Istituzioni.

Per chiudere senza fare voli pindarici: a noi operatori servono materiali stampati in Inglese, tedesco, francese e italiano, serve una navetta di collegamento diretto con il centro di Milano e Fiera Milano da affiancare alla ferrovia, serve segnaletica stradale turistica, parcheggi attrezzati e facilmente individuabili per la fruibilità delle belle passeggiate (Sentiero del Viandante, San Pietro al Monte, San Martino, Resegone, Grigna, Grignetta, Val Biandino, ecc…) e delle spiagge. Questo e poco più, per ora.

L’ufficio turistico provinciale è dotato di personale ottimo, competente, gentile, attento, non lasciateli soli.

Per questi motivi mi appello alle Istituzioni, intervenite subito, sono richieste così piccole, richiedono solo uno sforzo di attenzione ed ascolto.

Un saluto cordiale e pieno di speranza.

Fabio Dadati
Imprenditore Turistico della provincia di Lecco

 

 

Pubblicato in: News

Condividi questo articolo

Articoli recenti