DOPO L’ANEURISMA/IN UN LIBRO
LA NUOVA VITA DI BRUNO ARENA,
RACCONTATA DALLA MOGLIE

SAMSUNG CSCLECCO – “Il mio impegno è riuscire, nel limite del possibile, a far vivere a Bruno emozioni: l’ho portato a vedere l’inter, siamo stati a Roma per il 6 nazioni di rugby… La vita continua, è ancora vita e può essere ancora bella. Io sono serena,  io sono grata di avare mio marito vicino, Bruno c’è e io sono con lui!”.

A parlare così è Rosy Marrone Arena, la moglie del comico dei Fichi d’India che due anni fa venne colto da un aneurisma. I due sono stati ospiti di Leggermente e a Palazzo Falck hanno presentato il loro libro “Domani ti porto al mare”. L’autrice ha spiegato al pubblico lecchese perché hanno scelto questo libro: ”Prima delle dimissioni di Bruno ci è arrivata la proposta di scrivere questo libro… e ho subito pensato che questo periodo fosse finito e che si poteva tornare al mare, tornare alla vita perché il progetto di questo libro è un messaggio di speranza”. Al mare Bruno e Rosy ci andavano veramente prima della malattia e la donna l’ha raccontato: ”Per anni, per lavoro Bruno è andato spesso a Riccione e ci siamo innamorati della Romagna, di quelle persone. Poco prima di questa tragedia abbiamo acquistato la casetta a Riccione e avevo pensato di venderla, e invece, poi, siamo riusciti a tornarci e ci torneremo anche quest’anno”.

SAMSUNG CSCRosy ha raccontato l’importanza che hanno avuto gli amici di Bruno in questo periodo: ”I suoi amici sono diventati anche amici miei, è come se facessi le veci di Bruno ed è bellissimo perché riesco a sentire quanto bene vogliono a lui grazie all’affetto che danno anche a me – poi uno sguardo d’intesa con il marito che in prima fila l’ascolta attento –. Un dramma così non si può sdrammatizzare, ma noi l’abbiamo affrontato a modo nostro: quando Bruno si è svegliato dal coma i nostri figli gli hanno detto che è juventino quando invece è interista e che fumava quando lui odia il fumo e quando ci ha fatto segno di non dire sciocchezze abbiamo capito che era lui.”

“Io nel mio piccolo soprattutto adesso cerco di farlo ridere perché tra noi è sempre stato così. E ancora oggi ridiamo molto. E’ vero Bruno?”. Ma nel libro ci sono anche degli episodi esilaranti: ”Una delle dottoresse prima dell’operazione a Bruno mi ha rassicurata dicendomi che sarebbe rimasto a lungo in sala operatoria e di stare tranquilla, quando dopo soli 5 minuti l’ho vista tornare mi sono allarmata. Si è avvicinata e mi ha detto “Signora visto che faremo un’operazione alla testa a suo marito, vuole che sistemiamo i buchi già che ci siamo?”. Mio figlio ha risposto “meglio di noi, papà poi magari si incazza”. In effetti lui ha sempre detto che se è riuscito a far ridere lo deve anche alla sua faccia”.

SAMSUNG CSCNon è stato facile per Rosy accettare ciò che stava succedendo e l’ha spiegato così: ”Nel libro c’è una citazione di Alberto Moraviale esperienze che contano sono spesso quelle che non avremmo mai voluto fare non quelle che decidiamo di fare‘. Per noi ha deciso la vita, non rimane che prenderne atto e andare avanti. All’inizio continuavo a chiedermi perché e non sapevo darmi una risposta, poi ho dato un’altra lettura, ho smesso di chiedermi perché a lui, ho proprio pensato che questa è una prova e noi dovevamo affrontarla non dovevamo subirla altrimenti ci avrebbe schiacciato”.

In sala a Lecco c’era anche il dottor Lanfranchi che si è preso cura di Bruno Arena e Rosy lo ha ricordato per un episodio particolare: ”Un amico di Bruno ci ha proposto di portarlo a vedere una partita dell’inter e  lui ha accettato subito perché ha detto che a mio marito avrebbe fatto benissimo, non ci ha ostacolato, anzi”.

SAMSUNG CSCDopo il libro, Rosy e Bruno non si fermano: ”In questa fase ho capito l’importanza dei progetti perché vuol dire continuare a vivere. Il libro è stato un bel progetto ma vorrei realizzare dei video grazie anche ai suoi colleghi e metterli sul web per dare messaggi di speranza. Bruno è felice di questa cosa, vuole essere utile, è il suo modo di esserlo e continuare a fare ciò che fa meglio. E il primo video che abbiamo pubblicato è stato realizzato con Bruno in versione supereroe e il suo potere è quello di far ridere e questi video vogliono incoraggiare gli altri”.

Elena Pescucci

 

 

Pubblicato in: Cultura, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati