ESCLUSIVA/LECCO HA LA SUA MOSCHEA: ASSALAM HA COMPRATO
IL CAPANNONE DI CHIUSO

MUSULMANI PREGHIERALECCO – I musulmani di Lecco possono dire di avere la propria moschea. Il capannone di corso Bergamo infatti è stato comprato dal Centro Assalam di Lecco, l’associazione culturale islamica che da anni è radicata sul territorio e conta più di 500 soci.

“La scorsa settimana abbiamo terminato di pagare, per cui la struttura ora è nostra – dichiara a LeccoNews Moez Samti, responsabile del gruppo -. Proseguiremo con le nostre attività, dalla preghiera del venerdì alle feste, senza trascurare i dialoghi interreligiosi”. Per una moschea vera e propria naturalmente serviranno autorizzazioni, progetti e quant’altro; ma certo il passo avanti compiuto da Assalam è importante, forse decisivo.

DSCN9508Dopo due anni, e non senza sacrifici, l’associazione è riuscita a comprare lo spazio utilizzato specialmente il venerdì, quando centinaia di musulmani lecchesi si recano nel rione di Chiuso per la preghiera di mezzogiorno. Per anni avevano cercato una sistemazione, prima avevano ricevuto ospitalità da Giuseppe Caccialanza, a Lofficina della musica a Pescarenico, ma una volta che il locale ha chiuso Samti e gli altri islamici dell’associazione hanno cercato un’altra sistemazione, trovando il capannone proprio di fronte alla Casa sul pozzo di padre Angelo Cupini.

Per i musulmani di Lecco però non è ancora il tempo di festeggiare veramente: questa sera infatti inizia il mese del Ramadan, in cui i fedeli digiuneranno durante il giorno, per mangiare solo una volta che cala il sole. Si tratta del nono mese del calendario islamico e trova la sua origine sacra nel Corano, secondo cui in questo mese Maometto avrebbe avuto la rivelazione dall’arcangelo Gabriele.

Tutte le sere del mese sacro musulmani provenienti da Lecco, Mandello del Lario, Abbadia Lariana e dalla Valsassina si troveranno a Chiuso per pregare insieme. Poi, il 27 luglio verrà celebrata la Id al-fitr, l’interruzione del digiuno e solo allora potranno festeggiare davvero.

 

 

 

Pubblicato in: Religioni, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati