FESTIVAL “VOCES” 2013:
UN RICCHISSIMO PROGRAMMA CULTURALE TRA LAGO E VALLI

VOCES 2013 MANIFESTOLECCO – Dar voce alle persone quali testimoni del sapere e delle tradizioni, suscitando una partecipazione che riguarda l’intera comunità: questa la proposta del Festival VOCES, che giunge nel 2013 alla seconda edizione.

Creato dall’incontro di enti e istituzioni impegnate nella promozione culturale e sociale del territorio, VOCES organizza una rete di persone e istituzioni per dar vita a un evento unico in Lombardia, che intende svilupparsi in un vero e proprio festival della musica e della cultura tradizionale e antica.

Il progetto è sostenuto da Fondazione Cariplo e dalla Provincia di Lecco e realizzato dalle associazioni Sviluppo Non Profit e Res Musica – Centro ricerca e promozione musicale, con la direzione artistica del musicologo Angelo Rusconi.

Quindici ensemble, dieci solisti, diciotto fra studiosi e divulgatori, tre scenografi e light designer sono i protagonisti di una manifestazione che si snoda lungo l’intera estate e fino alle soglie dell’autunno.

Diciassette enti e due sponsor principali privati contribuiscono finanziariamente al progetto; sette partner forniscono  un contributo tecnico; numerose associazioni locali, cori, parrocchie, cooperative ecc. sono coinvolte quali responsabili di visite guidate, ricerche, esecuzioni di canti tradizionali. Da quest’anno il festival instaura inoltre una preziosa collaborazione con il FAI – Fondo Ambiente Italiano.

Chiese, castelli e palazzi, cortili. Spesso si tratta di luoghi che non sono mai stati scelti quale sede di eventi e che vengono riscoperti per la loro importanza storica o la collocazione paesistica: si pensi alla chiesa cimiteriale di S. Andrea a Pasturo, allo stupendo balcone sulla Valsassina di S. Caterina di Introbio, a Palazzo Sormani Andreani di Corenno Plinio.

L’edizione 2013 si distingue per la ricchezza delle proposte, la varietà dei temi e la qualità degli artisti invitati: nomi presenti nei maggiori teatri del mondo si affiancano alle voci di persone del nostro territorio, dando vita a una programmazione ricca di proposte anche sperimentali.

Si comincia sabato 29 giugno con un’intera giornata nella spettacolare cornice della Valvarrone: al mattino si va alla scoperta dell’antico borgo di Sueglio, nel pomeriggio sulle fortificazioni della Frontiera del Nord (la cosiddetta “Linea Cadorna”) appena riportate alla luce in comune di Vestreno. La giornata si conclude con un commovente spettacolo sulla Prima Guerra Mondiale in cui la splendida voce di Raffaella Benetti reinterpreta canzoni dei cantautori italiani e classici del canto di montagna.

Da ricordare ad esempio il concerto “Memorari”, che in un luogo di passaggio dall’Europa continentale come Corenno fa incrociare canto gregoriano, melodie ebraiche “klezmer” e swing zingaro (20 luglio); a Corenno ci si potrà andare in battello, cenare sul posto e ammirare al ritorno lo scenario fiabesco del castello appositamente illuminato da VOCES con i maestri della luce di Meeting Project.

Il sound magico di Max De Aloe e Marcella Carboni (armonica e arpa elettronica) fa vivere in musica a Introbio il respiro della natura delle nostre montagne (6 luglio). Margno vede il ricupero dei canti della liturgia dei defunti, tramandati oralmente e riproposti nel loro contesto rimontando il catafalco monumentale qui conservato: un’incredibile macchina barocca finalizzata alla “messa in scena” della “sacra rappresentazione” della liturgia controriformista (7 luglio).

Una menzione speciale merita l‘appuntamento di Barzio, dove è di scena la voce perduta dei castrati: la vita di Farinelli, il più grande cantore evirato di ogni tempo, fu scritta da Giovenale Sacchi, un barnabita di famiglia barziese. Questa biografia è il testo base dello spettacolo che vedrà protagonista il sopranista Angelo Manzotti, uno dei pochi cantanti al modo in grado di far rivivere le arie più acrobatiche scritte per il mitico Farinelli.

Da non dimenticare poi le chiese dipinte di Primaluna con la musica del Seicento spagnolo suonata dalle musiciste dell’ensemble Quintana e l’esperienza molto particolare che sarà vissuta a Introbio, quando nel concerto dedicato al tema Tenebre  e Luce il pubblico si troverà immerso in una particolare illuminazione mediante strutture costruite per l’occasione.

Dopo l’estate, il festival riprende a settembre con la proposta ad alto tasso di spiritualità di Civate, dove nel monastero di San Calocero si celebrerà l’ufficio notturno in rito monastico (13 settembre). Un concerto straordinario avrà luogo presso il Santuario quattrocentesco di S. Maria del Lavello a Calolziocorte: pagine sacre di Verdi e Donizetti eseguite da due cantanti presenti sulle principali scene internazionali, Sabina Macculi e Gabriella Sborgi, accompagnate dai solisti dell’Orchestra Verdi di Milano (14 settembre). .

Singoli progetti speciali sono evidenziati all’interno del programma complessivo: ad esempio “Merate e la sua storia”, rientrano nella sezione Voci E Luoghi della Tradizione, sostenuta dalla Fondazione della Provincia di Lecco.

Al di fuori dal programma “ufficiale”, che è stato aperto in anteprima da un importante convegno, va segnalato l’evento di Venezia: in apertura del convegno internazionale sul canto liturgico di tradizione orale promosso dalla Fondazione Levi di Venezia in collaborazione con la Fondazione Cini, i cantori di Premana canteranno in una grande basilica i Vespri in rito antico con le melodie della loro tradizione ricuperate grazie al lavoro di Res Musica e del Museo Etnografico di Premana.

Info e programma completo www.voces.artemusicfestival.it

TUTTE LE MANIFESTAZIONI SONO A INGRESSO GRATUITO

voces Quintana

Programma

SABATO 29 GIUGNO

VALVARRONE

SUEGLIO

ore 11
Chiesa di S. Bernardino

SANTE IMMAGINI – Visita guidata e momento musicale

A cura di Amici dell’Ecomuseo della Valvarrone

con il cantastorie Raffaele Nobile e i cantori della Valvarrone

L’oratorio di S. Bernardino contiene un ricco altar maggiore ligneo con le statue dei santi venerati nella Valle. Al termine, un momento musicale propone canti fra tradizione scritta e orale.

Ore 12.30

Pranzo a prezzo convenzionato di € 18 presso Ristorante Suej, via ai Monti 1, Sueglio.

Prenotazioni al n. 0341.808022 entro il giorno precedente.

ore 15.30

Ritrovo presso la piazza del Comune, via ai Monti 2, Sueglio e trasferimento a piedi sulla Linea Cadorna (20 min.). Per chi non desidera camminare è a disposizione un bus navetta.

Per chi parte da Vestreno: ritrovo al Centro Sportivo, via Dervio 225/3

VESTRENO

Vestreno, Caserme

LA FRONTIERA DEL NORD – Percorso fra trincee e caserme

A cura di Amici dell’Ecomuseo della Valvarrone

Il sistema di fortificazione realizzato lungo l’arco alpino fra il 1916 e il 1918.: Restano intatte postazioni per mitragliatrici, osservatori, camminamenti e trincee, esposte in posizioni panoramiche fra il lago e le montagne. Si raccomanda un abbigliamento sportivo.

al termine (ore 17.45)

LA GRANDE GUERRA MESCHINA – Storie e canzoni della Prima Guerra Mondiale

Raffaella Benetti canto

Thomas Sinigaglia fisarmonica

Alessandro Anderloni narrazione

Lo spettacolo affronta il più inviolabile dei tabù della Grande Guerra: quello delle fucilazioni sommarie e delle decimazioni per punire gli ammutinamenti, le diserzioni, le rivolte che si verificarono fra i soldati mandati al massacro. Le musiche passano dalle canzoni d’autore (De Andrè, Finardi, Fossati) ai classici del “canto di montagna” come Stelutis alpinis.

A seguire

IL CIBO DEI NOSTRI VECCHI

Rinfresco offerto a tutti al modo di una volta

A cura del Gruppo Alpini di Vestreno

Servizio autobus A/R al costo di € 10 con partenza ore 9.30 da Lecco, P.za Lega Lombarda (Stazione). Prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente al n. 392.6740607 o a resmusica@alice.it

 

* * *

SABATO 6 LUGLIO

INTROBIO

ore 21.15

Oratorio di S. Caterina d’Alessandria

IL BOSCO CHE CHIAMANO RESPIRO – Pop Harp

Max De Aloe armonica cromatica

Marcella Carboni arpa elettroacustica

Uno strumento di origine colta e uno di origine popolare trovano il loro punto d’intesa in un progetto musicale unico. La musica prende forma attraverso melodie di ieri e di oggi – da Faurè a Piazzolla ai Beatles – con un linguaggio che sta ai confini tra i generi e respira insieme al paesaggio che si ammira dalla chiesa.


Al termine

UNA CHIESA FRA I BOSCHI

Visita guidata a cura di Marco Sampietro (Amici della Torre – Primaluna)

 

Rinfresco offerto ai partecipanti.

 

In caso di maltempo il concerto avrà luogo presso la chiesa di S. Michele Arcangelo, via S. Caterina.

* * *

DOMENICA 7 LUGLIO

MARGNO

ore 17.30
Chiesa di S. Bartolomeo

REQUIEM AETERNAM – Il culto dei defunti e il catafalco monumentale

Incontro a cura di Marco Sampietro (Amici della Torre – Primaluna)

Il catafalco del 1737 è una vera e propria “macchina sacra” barocca, che veniva eretta con una complessa operazione di montaggio in occasione di alcune celebrazioni funebri.

ore 20.45
Chiesa di S. Bartolomeo

OFFICIUM – Messa in latino con i canti della tradizione orale

Con la partecipazione dei Cantori di Margno, organo Gianmichele Brena

Grazie alla memoria storica di alcune persone è stato possibile ricostruire i canti della Messa dei defunti, che sarà celebrata davanti al grande catafalco settecentesco, eccezionalmente rimontato per l’occasione. C

Dalle ore 19 cena a prezzo convenzionato:

– Menù di € 15 (menù carne) e di € 18 (menù pasce) presso ristorante L’arcata da Tindaro, via Vittorio     Veneto 39, Margno. Prenotazioni al n. 339.7540597 entro il giorno precedente.

– Menù a € 18 presso ristorante Sassi Rossi, via Provinciale 1, Crandola. Prenotazioni al n. 0341.840125 entro il giorno precedente.

* * *

SABATO 13 LUGLIO

PRIMALUNA

ore 17.30

Fraz. Barcone, Chiesa della Madonna delle Grazie

CHIESE DIPINTE – Percorso guidato sulla vecchia strada

Visita guidata a cura di Marco Sampietro (Amici della Torre – Primaluna)

Piccoli tesori nascosti: tra fontane e scorci rurali, ecco il palazzo Parolini e le chiese di Barcone e di Vimogno, impreziosite da facciate dipinte e da altari e pale secentesche che rimandano all’epoca della dominazione spagnola. La sorpresa finale è l’Antica Osteria di Vimogno, secolare struttura rimasta pressoché intatta.

 

ore 21

Fraz. Vimogno, Palazzo Pomi – Chiesa di S. Anna

EN LA MAR – Musica dall’antica Spagna

Ensemble Quintana

Kateřina Ghannudi arpa barocca, voce

Ilaria Fantin arciliuto, percussioni

Alla scoperta dei colori e dei suoni della musica spagnola, che si intrecciano con le lontane melodie dei canti sefarditi e delle culture mediterranee. Un caleidoscopio di sonorità dense di suggestioni.

 

Dalle ore 19: cena a prezzo convenzionato di € 15 presso l’Antica Osteria Italia, via Carso n. 2/4, Vimogno; prenotazioni entro il giorno precedente al numero 0341.980479

 

* * *

SABATO 20 LUGLIO

CORENNO PLINIO – DERVIO

ore 18


Borgo e Chiesa di S. Tommaso Becket

VISITA GUIDATA

A cura di Roberto Pozzi

ore 21
Palazzo Sormani Andreani

MEMORARI – Dal gregoriano al klezmer lungo la route tzigane

Ziganoff Jazzmer Band & Gruppo Vocale L. Feininger

I canti mariani di un manoscritto medievale s’intrecciano con le canzoni klezmer degli ebrei dell’Europa centrale e con lo swing “manouche” dei musicisti zingari. Il fil rouge è un ideale pellegrinaggio che parte dal santuario di Senale, un tempo scelto dai gitani per l’appuntamento di Ferragosto con la loro Madonna; l’arrivo è a Saintes-Maries-de-la-Mer in Camargue, dov’è venerata “Sara la nera”, la santa protettrice di tutti i nomadi del mondo.

ore 22

LUCI AL CASTELLO

Spettacolare illuminazione del Castello di Corenno Plinio, che avvolge l’edificio in un inedito manto luminoso visibile anche dal lago.

Light Design a cura di Meeting Project

Servizio di battello A/R al prezzo di € 60 comprensivo di servizio navetta, cena presso ristorante “La Taverna del Castello”, visita riservata al castello, posto riservato al concerto.

Prenotazione obbligatoria al n. 392.6740607 o email resmusica@alice.it entro il 13 luglio.

Ritrovo ore 15.45 presso pontile in Lungolario Isonzo a Lecco, di fronte al Ristorante Larius.

 

Per la sola cena: prenotazioni al n. 0341.804289 entro il giorno precedente.

 

Servizio navetta da Dervio dalle ore 17.30 con partenza da via alla Darsena

 

In collaborazione con FAI – Fondo Ambiente Italiano, Delegazione di Lecco

 

* * *

SABATO 27 LUGLIO

PASTURO

ore 18
Piazza del Comune

DIPINTI RITROVATI

Alla riscoperta delle tele un tempo nella chiesa cimiteriale di S. Andrea, in seguito traslate nelle altre chiese del paese.

Visita guidata a cura di Marco Sampietro (Amici della Torre – Primaluna)


ore 21.30

Chiesa di S. Andrea al Cimitero

TENEBRÆ ET LUX – Un progetto di musica e di luce

Ensemble Harmonia Cordis

Allestimento a cura di Antonio Arlati

La chiesa di S. Andrea, attigua al cimitero dove riposa la poetessa Antonia Pozzi, ha la particolare suggestione di un luogo totalmente spoglio. Al suo interno risuonano antiche musiche incentrate sul simbolismo delle tenebre e della luce. Un allestimento speciale lo veste di luci naturali e di simboli luminosi.

 

Dalle ore 19 cena a prezzo convenzionato di:

– € 15 presso Ristorante Grigna, via Roma 25 (parcheggio via Trieste 7) Pasturo; prenotazioni al n. 0341.955159 entro il 25 luglio

– € 18 presso Ristorante Il Faggio Rosso, via Anesetti 3, Baiedo di Pasturo; prenotazioni al n. 0341.919793 entro il 25 luglio

 

* * *

 

SABATO 3 AGOSTO

BARZIO

ore 17
Palazzo Manzoni – Municipio

LE VOCI PERDUTE –  Tavola rotonda

Con la partecipazione di Marco Beghelli, Angelo Rusconi ed Emilio Sala

Giovenale Sacchi, padre barnabita di famiglia barziese vissuto nel ‘700, si dedica allo studio scientifico della musica. Scrive anche la biografia del più celebre cantore castrato di tutti i tempi: Carlo Broschi, detto Farinelli. L’incontro illustra la storia crudele e gloriosa dei cantori evirati.

ore 21
Palazzo Manzoni – Municipio

QUEL DELIZIOSO ORRORE – Vita di Farinelli evirato cantore

di Guido Barbieri e Sandro Cappelletto

Angelo Manzotti sopranista – Piero Nuti attore

Ensemble Accademia dei Solinghi

regia di Piero Nuti

Farinelli, evirato cantore, è il più famoso dei sopranisti del ’700: la sua figura ha attraversato i secoli affascinando artisti e pubblico. Lo spettacolo lo mette in scena vecchio e malato, circondato da oggetti che gli rammentano il passato; evocata dal ricordo, la sua Voce si materializza accanto a lui e canta le arie che hanno segnato il suo successo.

 

Dalle ore 19: cena a prezzo convenzionato di € 18 presso Hotel Ristorante Esposito, via Francesca Manzoni 33, Barzio. Per prenotazioni al n. 0341.996200 entro il giorno precedente.

 

* * *

VENERDÌ 13 SETTEMBRE

CIVATE

Abbazia di S. Calocero

CANTI NELLA NOTTE – La liturgia notturna nei monasteri medievali

Cantori Gregoriani, direttore Fulvio Rampi

Il momento più denso dell’ufficiatura monastica: quello che dalla preghiera vespertina si inoltra nella grande notte con la celebrazione del Mattutino, a tu per tu con l’infinito nel silenzio e nell’oscurità. I gesti, le parole, il canto, gli incensi, la luce delle candele accompagnano l’Ufficio dell’Esaltazione della S. Croce.

 

ore 19  Primi Vespri e Compieta

ore 20  Visite guidate alla chiesa e agli affreschi a cura di Luce Nascosta

Rinfresco offerto ai partecipanti

ore 22  Cripta: Mattutino

 

* * *

 

 

Pubblicato in: Cultura, Valsassina, Lago, News

Condividi questo articolo

Articoli recenti