FIRMATO IL PROTOCOLLO D’INTESA PER TUTELARE LA LEGALITÀ NEGLI APPALTI DEI LAVORI PUBBLICI

LECCO – Dopo un lungo iter avviato dalle organizzazioni sindacali confederali e di categoria ormai oltre tre anni fa, grazie anche alla sensibilità della Prefettura di Lecco, si è sottoscritto oggi un protocollo che vuole combattere le infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici sul territorio, tutelare la sicurezza dei lavoratori e le norme contrattuali, garantire ai cittadini trasparenza nell’utilizzo del denaro pubblico e correttezza degli appalti.

Per la Cisl e la Filca Cisl è questo un grande risultato, voluto con caparbietà. Il protocollo firmato oggi permette alla Prefettura di chiudere un impegno sostenuto con passione.

“La firma di questo protocollo – sottolinea Claudio Cogliati segretario della Filca Cisl Monza Brianza Lecco – premia tutti coloro che oggi sono stati convocati dal Prefetto di Lecco. L’importanza di questo documento è sintetizzabile in tre concetti: trasparenza, argine alle infiltrazioni mafiose, sicurezza sui luoghi di lavoro. Mi sembra doveroso ricordare che a questo traguardo siamo arrivati grazie a Filca Cisl, Fillea Cgil e Feneal Uil, che dal 2010 hanno iniziato un confronto con le istituzioni  proprio per iniziare il percorso sui temi della legalità, che è giunto oggi alla sua felice conclusione con il coinvolgimento di numerose associazioni, enti ed istituzioni. E’ vero che stiamo vivendo una crisi che, soprattutto nel settore dell’edilizia, è drammatica, ma il protocollo firmato oggi è un premio riservato ai lavoratori ed a quegli imprenditori che vogliono lavorare nel rispetto delle regole, con assoluta trasparenza e rispettando la sicurezza sul lavoro. In questo modo, lo ripeto, verranno premiate le imprese sane. Non dimentichiamo che Lecco ha recentemente dovuto fare i conti con le infiltrazioni della criminalità nel suo tessuto imprenditoriale. Ciò non deve più accadere e per questo non dobbiamo mai più abbassare la guardia. La firma odierna consente, infatti, di regolamentare la filiera degli appalti e dei subappalti, per cui chi vuole lavorare seriamente lo potrà fare e ne avrà giovamento. Un’ultima annotazione, a cui teniamo molto, riguarda la sicurezza sul lavoro. Proprio i giorni scorsi abbiamo avuto un’altra vittima. Se è vero che le morti sul lavoro sono diminuite, va anche detto che è nostra convinzione che per il lavoro non si dovrebbe mai morire. Per questo noi continueremo ad impegnarci. In conclusione, con questa importante firma, abbiamo iniziato un percorso che ora deve concretizzarsi realmente: il lavoro inizia oggi”.

Oltre al Prefetto di Lecco, hanno sottoscritto il protocollo il Presidente della la Provincia di Lecco, i Sindaci dei Comuni di Lecco, Calolziocorte, Valmadrera, Merate, Casatenovo, Mandello del Lario, il Presidente della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Lecco, i Presidenti di Lario Reti Holding S.p.a., A.C.E.L. Service S.r.l., Idroservice S.r.l., Lario reti gas S.r.l, A.L.E.R. Lecco, i Presidenti di A.N.C.E. Lecco, Confartigianato Lecco, Confindustria Lecco, Associazione Piccole e Medie Industrie Lecco, Confederazione Nazionale Artigiani e Piccole Imprese Lecco, i Segretari di C.G.I.L., C.I.S.L. e U.I.L. Lecco, Fillea-C.G.I.L, Filca-C.I.S.L. e FeNEAL-U.I.L. Lecco.

L’augurio è che la ripresa del lavoro in edilizia ma non solo, permetta la ripartenza degli appalti pubblici per migliorare il territorio nella piena legalità e con la tutela dei lavoratori che vi operano.

 

 

 

Pubblicato in: Città, Economia, News

Condividi questo articolo

Articoli recenti