GIORNATA DELLA MEMORIA:
L’EQUILIBRIO DELLA PACE
E LA MEMORIA INDISPENSABILE

BALLABIO – “Sembrano da lontano delle note di pianoforte, sono suoni rarefatti, come stelle puntinate nel cielo, sono i caduti innocenti. Sulle lapidi qualche fiore fresco, ma non quanto un ricordo. Non bisogna mai smettere di ascoltare”. In qualche scuola il minuto di silenzio e uno dei lutti più gravi della storia recente si fa manifestazione ufficiale, sfiorando la burocrazia.

Ogni anno ci si chiede come può essere più efficace il Ricordo, durante il Giorno della Memoria. Non c’è una ricetta, nemmeno una risposta e non basta riparlarne. Qual è il limite dell’amore che si può conoscere nella vita? E dell’odio?

chiesa ballabio internoDifficile dare dei confini. E forse sarebbe meglio cominciare dalla “pace”, abbandonandosi di tanto in tanto alla preghiera e al silenzio. Come nella celebrazione sommessa e partecipata tenutasi a Ballabio nella Chiesa della Beata Vergine Assunta, col nuovo parroco don G. Milani.

Parole semplici e pacate ma profonde, per sostenere quell’indispensabile senso civile basato sul rispetto, sulla cultura e sulla pace che proprio in questo momento storico è più che mai utile. Al termine della S. Messa, animata dalla Corale Beata Vergine Assunta e diretta da Alessio Benedetti, alcuni pensieri sui drammatici eventi di una vergognosa guerra che tuttora sconvolge, primo fra tutti un testo di Anna Frank letto dall’ assessore Manuela Deon.

chiesa bva interno2La chiesa era gremita di ballabiesi di tutte le età, segno che la comunità è ancora non solo un insieme di persone ma un luogo di condivisione e, come in questo caso, di preghiera. Sotto la volta di sinistra il presepe ancora visibile, come a voler  ricordare che la prima vittima delle guerre è la famiglia, così come può essere il nido della nascita della gioia e della vita. A fianco anche la riproduzione della scuola, la casa della crescita intellettuale e creativa.

Gli errori della storia, in giornate come queste, possano permetterci di far luce su quello che ha veramente valore e che va difeso da ogni possibile minaccia, ogni giorno. Nelle prime file della piccola chiesa gli Alpini di Ballabio, oggi artefici di gesti di grande utilità sociale e primi fra tutti a onorare i caduti senza colpa.

Michele Casadio

 

È davvero meraviglioso che io non abbia lasciato perdere tutti i miei ideali perché sembrano assurdi e impossibili da realizzare.
Eppure me li tengo stretti perché, malgrado tutto, credo ancora che la gente sia veramente buona di cuore.
Semplicemente non posso fondare le mie speranze sulla confusione, sulla miseria e sulla morte.
Vedo il mondo che si trasforma gradualmente in una terra inospitale; sento avvicinarsi il tuono che distruggerà anche noi; posso percepire le sofferenze di milioni di persone; ma, se guardo il cielo lassù, penso che tutto tornerà al suo posto, che anche questa crudeltà avrà fine e che ritorneranno la pace e la tranquillità.  
Anna Frank

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, Ballabio, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati