SOCCORSO ALPINO NEL 2016:
300 INTERVENTI, IN CALO
SULLE STATISTICHE 2015

LECCO – Sono stati 296 gli interventi di soccorso in montagna nei dodici mesi del 2016 nell’area coperta dalla XIX Delegazione Lariana ovvero nelle provincie di Como, Lecco, Pavia e Varese. Il grafico che segue rende evidente come sia il territorio valsassinese, seguito da quello lecchese, quello che richiede maggior sforzo agli uomini del soccorso alpino.

cnsas statistiche 2016 1

Il numero complessivo degli incidenti registrati nel 2016 risulta inoltre inferiore a quello del 2015 quando si erano archiviati 371 interventi, la riduzione è imputabile a vari fattori tra i quali lo scarso innevamento e la mancanza di funghi, passione che coinvolge molte persone ma che comporta nelle stagioni di buon raccolto innumerevoli operazioni di soccorso.

Tra le cause la “caduta” per quanto spesso originata da un evento apparentemente banale è la causa del maggior numero di incidenti a volte con conseguenze fatali.

cnsas statistiche 2016 2

Come spesso accade il numero maggiore di incidenti riguarda l’escursionismo, che è l’attività maggiormente praticata rispetto alle altre. Nel grafico, va precisato, la voce “sci pista” rappresenta solo alcuni casi particolari, il numero di soccorsi effettuati sulle piste nel comprensorio dei Piani di Bobbio Valtorta, ove opera il soccorso alpino, è ovviamente di gran lunga superiore.

cnsas statistiche 2016 4

cnsas statistiche 2016 3

Quasi duecento operazioni hanno visto l’impiego dell’elicottero con o senza il supporto delle squadre territoriali del soccorso alpino, un centinaio le operazioni svolte esclusivamente via terra.

cnsas statistiche 2016 5

Il Corpo nazionale di soccorso alpino e speleologico auspica che i dati del 2016, numericamente inferiori a quelli del 2014 e 2015, rappresentino un segnale positivo, che le molteplici iniziative di sensibilizzazione comincino a restituire dei risultati apprezzabili e che il risultato positivo non sia solo la conseguenza delle variabili annuali sopra citate.

Dal 2017 il Cai ha reso disponibile gratuitamente ai propri soci un applicativo per cellulari che consente l’invio della richiesta di soccorso e l’immediata localizzazione della persona da parte di una centrale operativa che è in grado di allertare immediatamente i soccorsi della zona interessata, un’applicazione consigliata vivamente a tutti i frequentatori della montagna senza però dimenticare che l’elemento primario per evitare incidenti è rappresentato dalla prudenza e dalla consapevolezza dei propri limiti. In caso di necessità il numero telefonico da comporre è il 112.

 

 

 

Pubblicato in: Montagna, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati