IMU SU IMPIANTI DI RISALITA.
ANTONIO ROSSI: “SCELTA ASSURDA,
A RISCHIO L’ECONOMIA MONTANA”

Rossi-Antonio-SORRIDE-1024x681MILANO – “Sarebbe assurdo far pagare l’Imu sugli impianti di risalita, se vogliono far crollare il comparto economico e sportivo delle nostre montagne hanno imboccato la strada giusta”. Lo dice oggi l’assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi, commentando la sentenza delle Corte Suprema di Cassazione che obbligherebbe i gestori degli impianti di risalita a pagare l’IMU. Gli importi varierebbero da 25mila euro per una seggiovia a sei posti a 50mila per una telecabina a otto posti.

“Sarebbe una follia – ribadisce Antonio Rossi – in questi giorni voglio affrontare la questione non solo con il presidente Maroni, ma anche con gli operatori del settore”. “Come Regione Lombardia – conclude – ribadiamo di essere a fianco degli impiantisti e faremo tutto ciò che è in nostro potere per tutelare un comparto importante come la montagna che dà lavoro a migliaia di persone”.

Proprio venerdì 27 marzo nell’ambito di “Dillo alla Lombardia” l’assessore lecchese incontrerà Anef Lombardia (Associazione Nazionale Esercenti Impianti a Fune), il confronto con gli stakeholders di riferimento che viene svolto ogni anno presso Regione Lombardia.

 

 

Pubblicato in: Montagna, Valsassina, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati