LA LETTERA SULL’ACCOGLIENZA:
“PIÙ CHE CAMMINARE SCALZI
BISOGNA MUOVERSI SPEDITI”

profughi aiuti bione 1Caro Direttore, 

un’insegnante illuminata (Alice Bianchi) prende un poco di quaderni, qualche penna e tre libri di testo di prima elementare e va nelle due ore libere da scuola al campo accoglienza al Bione per insegnare, gratis, ai profughi l’italiano.
Se la copiassero 20 colleghe si potrebbero fare 20 lezioni o sempre una sola.
Dipende se si coordinano con i turni o no.

Un’associazione (Mir Sada) chiede ai cittadini aiuti da portare al campo accoglienza al Bione, c’è anche un consigliere comunale con lei, optano per le scarpe.
I cittadini rispondono in massa e arrivano 200 paia di scarpe, si potrebbero dare 4 paia a testa o fare prima un elenco preventivo e raccogliere 50 paia di scarpe e 50 maglioni che fa freddo non solo ai piedi.
Dipende se si coordinano o ognuno porta roba a caso.

I 50 profughi al campo accoglienza al Bione ricevono grazie alla solidarietà dei cittadini 200 vestiti pesanti, i 30 profughi alla Casa accoglienza dei Piani Resinelli non ricevono i 20 vestiti pesanti portati su da loro e donati grazie alla solidarietà dei cittadini per non fare torto agli altri 10 che rimarrebbero senza.
Tutti e 30 continuano a prendere freddo oppure si recuperano quelli al Bione.
Dipende se si coordinano tra campi dello stesso territorio o ognuno per sé

Puoi avere mal di pancia e attendere che arrivi il medico da Milano in conversazione con la coop. del Campo accoglienza al Bione oppure chiamare quelli dell’Asl di Lecco.
Dipende se c’è coordinamento medico o ognuno si guarisce come può.

manifestazione migranti bione tendopoli 33Lo Stato dà 15€ in credito telefonico ad ogni profugo al campo accoglienza al Bione e nessun telefonino. Ora c’è un unico telefonino del referente del campo per tutti, a saperlo forse si può procurare qualche telefonino in più.
Dipende se c’è coordinamento tra chi dà la scheda e chi sa il numero di telefoni presenti.

La pattumiera si cumula giorno dopo giorno.
Si può prenderla e mettere sui furgoni degli operatori del campo di accoglienza al Bione e portarla a smaltire a Milano o farsela venire a prendere dagli operatori della nettezza urbana di Lecco e smaltirla a 100 metri da lì.
Dipende se si coordinano con il Comune o no

Si può organizzare una partita di pallone, una festa di musica e danza, una cena solidale, un film in lingua originale, una corsa campestre, un corso di lingua, un corso di cucito, un corso nostro e loro di cucina su cosa mangiano loro e cosa mangiamo noi, un corso loro a noi che spiegano dove vivevano cosa facevano, e ci fanno conosce le loro città, e noi la nostra anche con un tour per la città e i sentieri, tutto per cercare integrazione e attività che permettano ai profughi del campo accoglienza al Bione di passare il tempo.
Li si può fare tutti un unico giorno o dilazionati nel tempo
Dipende se si coordinano Enti, Prefettura, Comune, Associazione, Parrocchie, singoli o si va così a capocchia.

E per coordinarsi sarebbe ora che si sveglino Prefettura, Consiglieri comunali, Sindaco e Assessori, Associazioni e chiedano questo coordinamento, questa rete solidale a gran voce, pubblicamente. Finalmente!!

Qui più che camminare (scalzi) bisogna muoversi (spediti).

TREZZI 1p


Paolo
 Trezzi

 

 

 

 

Pubblicato in: Lettere a LeccoNews, Immigrazione, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati