L’ARGENTINA DI IMMAGIMONDO.
FOTO DALLA PATAGONIA
E FOCUS DI CULTURA E POLITICA

patagonia de agostiniLECCO – Prosegue il programma di Immagimondo, festival di viaggi luoghi e culture, e dopo Giappone ed India, nell’edizione 2014 protagonista è l’Argentina. Il progetto promosso da Les Cultures si sviluppa attorno alla mostra dedicata alla Patagonia ospitata al Palazzo delle Paure, accompagnato da focus e conferenze su specifici aspetti del paese sudamericano.

Nello storico edificio di piazza XX settembre è già aperta la mostra fotografica “La Patagonia di Padre De Agostini“, a cura di Mario Brigando e in collaborazione con Earth Viaggi. L’area espositiva, visitabile sino al 7 dicembre, raccoglie fotografie scattate da Padre Maria De Agostini, figura di assoluto rilievo nella storia delle esplorazioni e della mappatura del continente sudamericano. In due occasioni il curatore accompagnerà in una visita guidata, giovedì 23 ottobre e giovedì 20 novembre sempre alle ore 17.00.

Fratello di Giovanni De Agostini, fondatore dell’omonimo istituto geografico, durante gli anni Dieci e Venti del Novecento il salesiano guidò numerose spedizioni in zone completamente ignote del territorio argentino. Nel decennio successivo si dedicò all’insegnamento ed alla preparazione delle sue pubblicazioni. Sua è infatti la prima guida turistica della Patagonia, opera che permise al resto del mondo di conoscere la regione distribuita tra Argentina e Cile.

“Per Lecco parlare di Argentina significa parlare di Cerro Torre e Ragni, emigrazione e tango – introduce Giorgio Redaelli, presidente di Les Cultures – anche da qui dunque la scelta di approfondire la conoscenza di questo paese”.

Strettamente connesso alla mostra fotografica il primo focus in calendario, previsto per giovedì 16 ottobre alle ore 21.00 presso la sala conferenze del Palazzo delle Paure. “Per questi stretti morire (cartografia di una passione)”. Un documentario incentrato sul contatto di De Agostini con gli ultimi indios della Patagonia e della Terra del Fuoco; lo struggimento e il dolore dell’artista-esploratore di fronte all’assassinio delle ultime popolazioni autoctone e allo sfruttamento di una natura colonizzata.

immagimondo 2014Il festival Immagimondo propone poi altri sguardi sull’Argentina. Giovedì 30 ottobre Carmen Carabus, architetto e pittrice di Cordoba, esporrà “Appunti d’architettura argentina: un viaggio a volo di condor nel paesaggio architettonico argentino”.

Dalla dittatura alla democrazia: un excursus storico-politico” è l’approfondimento affidato a Maria Anna Rosti, docente di Storia dell’America Latina. L’intervento, in programma per giovedì 6 novembre, si propone di ripercorrere gli anni fra la dittatura militare e la transizione alla democrazia (1976-1982) soffermandosi sulla violazione dei diritti umani e sul dramma dei desaparecidos per meglio comprendere le dinamiche attuali.

Due gli incontri dedicati al tema dell’Argentina come terra d’emigrazione per gli italiani. Giovedì 13 novembre Ilaria Magnani, docente di letteratura ispanoamericana, tratterà la “Memoria dell’emigrazione italiana in Argentina” attraverso testi narrativi scritti da discendenti di italiani.

Guiderà una riflessione sull’Argentina come altra patria degli italiani, Storia e mito di cento e cinquant’anni d’immigrazione“, Emilio Franzina, docente di Storia contemporanea e autore di numerose ricerche sull’immigrazione, giovedì 27 novembre.

Dal default del 2001 l’Argentina vive una situazione paradossale tra povertà, ripresa economica, boom dell’agricoltura, corruzione politica. Ma è anche un laboratorio di economia solidale. Questa analisi sarà il tema di giovedì 4 dicembre: “Argentina tra default e ripresa, un paese eternamente in tempesta” a cura di Afredo Somoza, antropologo italo-argentino, giornalista e presidente Icei – Istituto cooperazione economica internazionale.

Il ricco calendario Les Cultures offre infine due occasioni dedicate alla gastronomia argentina, a Valmadrera venerdì 24 ottobre e al ristorante Il Griso di Malgrate a novembre.

> Qui il progamma dettagliato di Immagimondo Argentina

 

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, Dal mondo, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati