L’ARRAMPICATA SPORTIVA
ALLE OLIMPIADI DI TOKYO?
QUALCOSA SI MUOVE

Tokyo-2020-olimpiadiLECCO – Grande opportunità per l’arrampicata sportiva che nel 2020 potrebbe debuttare a Tokyo come disciplina olimpica. A darne notizia è il comitato organizzatore delle Olimpiade di Tokyo 2020, che si è avvalso della possibilità offerta dal nuovo regolamento il quale prevede che la città ospitante possa proporre una serie di sport da aggiungere a quelli finora esclusi. Oltre all’arrampicata sono state candidate altre quattro discipline: il baseball/softball, il karate, lo skateboard e il surf e il Comitato Olimpico Internazionale prenderà una decisione definitiva entro l’agosto del prossimo anno.

È davvero un grande risultato questo per lo sport climbing che nel 2010 era stato ammesso tra gli sport riconosciuti dal CIO e dalla Federazione Internazionale Giochi Mondiali, ma che nel maggio 2013 aveva visto la propria bocciatura per Rio de Janeiro 2016.

Molto soddisfatto il presidente della federazione italiana di arrampicata Ariano Amici: “La FASI, che ha dato un grande contributo alla federazione internazionale, fin dal momento in cui sembrava un sogno il solo inserimento provvisorio nel CIO, è orgogliosa di questo grande risultato e assicura tutto il suo impegno per le nuove sfide che ci aspettano per confermare questo riconoscimento e meritare la fiducia che è stata riposta nel nostro sport”.

arrampicata sportiva premana nov14 (3)Se questo bel sogno si realizzasse, sarebbe decisamente un’ottima motivazione per gli atleti lecchesi che partecipano alla Coppa Italia. Il circuito lead (gare “con la corda”) si è concluso lo scorso 20 settembre con la gara di Padova e ha visto i lecchesi collocarsi attorno alla decima posizione per quanto riguarda la categoria femminile (Manuela Valsecchi del Team Gamma 9° e Maria Ballerini dei Ragni di Lecco 11°); prima metà della classifica invece per Stefano Carnati (Ragni) che si piazza 13° e Claudio Arigoni (Boulder & Co) 21°, un po’ più in fondo Francesco Zarpellon dei Ragni (35°). Nessuno di loro ha partecipato a tutte le tappe della coppa, venendo penalizzati in classifica generale, vedremo come sapranno comportarsi nel campionato italiano in prova unica di Penne il prossimo 21 novembre. Ancora lunga la stagione di Simone Tentori dei Ragni, unico lecchese in gara per la coppa Italia boulder, che al momento è piazzato 14° ma deve ancora affrontare 3 gare di coppa oltre al campionato italiano.

M.V.

 

 

 

Pubblicato in: Dal mondo, Città, Sport, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati