LECCO, LA TASI SI PUO’ PAGARE
CON UN MESE DI TOLLERANZA

LECCO – Il nuovo tributo comunale sui servizi indivisibili, denominato TASI, da versare entro il 16 giugno in acconto ed entro il 16 dicembre a saldo, ha destato recentemente dubbi e preoccupazioni per le difficoltà che nascono dalla necessità di acquisire e comprendere, in tempi rapidi, tutte le informazioni necessarie alla sua corretta applicazione, nonché dal rischio di confusione con altri tributi comunali in vigore; ciò è determinato anche dall’utilizzo, da parte del legislatore, di acronimi simili per tributi totalmente differenti (es. TASI e TARI, tassa sui rifiuti).

“Gli sforzi messi in atto dal Comune di Lecco d’informare correttamente il cittadino, attraverso il supporto informativo fornito del sito internet comunale, le note informative semplificate, la guida e il programma di calcolo online, uniti all’attività di assistenza fiscale prestata dai centri specializzati presenti sul territorio comunale, non possono tuttavia soddisfare, entro la prima scadenza fissata, una richiesta di intervento eccezionale, determinata da una novità con aspetti da chiarire e da interpretare correttamente”. Lo afferma oggi il Comune di Lecco, aggiungendo che “è stato il Governo stesso a intervenire, ponendo l’accento sulla necessità di tutelare il contribuente in una situazione di “incertezza” come quella rappresentata”.

Per questi motivi, e alla luce di quanto sopra, nel corso del pomeriggio di oggi, giovedì 12 giugno, la Giunta Comunale del Comune di Lecco ha deciso di non prevedere l’applicazione di sanzioni e interessi di mora per chi effettui il versamento della prima rata TASI entro il 16 luglio 2014.

 

 

 

 

Pubblicato in: Città, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati