L’IMPORTANZA DELLA TRISTEZZA
IN “INSIDE OUT”, IL NUOVO
CAPOLAVORO DISNEY-PIXAR

inside out disney pixarDa una settimana è uscito nelle sale cinematografiche Inside Out, il nuovo film d’animazione di Pete Docter, già autore di altri titoli Pixar come Monsters & co.Wall-eUp. «Vi siete mai chiesti cosa accade nella nostra mente?» è questa la frase, già rivelatrice dell’innovativa tecnica narrativa del film, che dà inizio all’avventura di Riley, prima bambina del Minnesota e poi ragazzina di undici anni alle prese con un non molto entusiasmate trasferimento a San Francisco, lontano dagli amici di sempre e dalla sua grande passione: l’hockey. La storia parrebbe non avere nulla di nuovo: il soliti temi del distacco, delpassaggio dall’infanzia alla pre-adolescenza, della famiglia.

Tuttavia ciò che rende questo film davvero degno delle molteplici attenzioni e lodi da parte della critica è il come tutto questo viene raccontato e messo in scena da Docter. Infatti, come lascia trapelare il titolo, la storia è un continuo passaggio di focalizzazione da esterna, in cui vediamo Riley muoversi e rapportarsi con il mondo, a interna, cioè proprio dentro la mente della ragazzina. In questo modo lo spettatore viene a conoscenza delle emozioni cardinenon solo di Riley, ma di ciascuno di noi: Gioia, di uno sfavillante e solare giallo, Tristezza, dipinta di un malinconico blu, Rabbia, rosso fuoco, Disgusto, verde e estremamente glamour e Paura, violetta, smilza e tremante. L’azione di questi personaggi nella mente di Riley determina non solo i suoi sentimenti, ma anche i suoi comportamenti e la sua personalità.

Continua a leggere su “Il fascino degli intellettuali”

 

la finestra ifdi fascino intellettuali

 

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, La Finestra, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati