LOMBARDIA LA PIÙ CORROTTA.
LE ECOMAFIE STABILI AL NORD
UN APPALTO SU TRE IRREGOLARE

lombardia corruzioneMILANO – 31 indagini, 325 arresti e 126 denunce, questi i numeri che mettono la Lombardia al primo posto tra le regioni italiane per diffusione del fenomeno corruttivo. Seguono la Sicilia e la Campania.

Lo rivelano i dati della Green Corruption pubblicati da Legambiente che parla di una “Tangentopoli 2.0“; sono infatti le mazzette, soprattutto nel settore degli appalti pubblici, a descrivere azioni e interessi delle ecomafie. Nel solo 2014 la Guardia di finanza ha contato 210 operazioni solo nel campo dell’assegnazione di appalti pubblici: 933 le persone denunciate per quasi due miliardi di risorse pubbliche “in gioco”. Dato ancor più sconcertante, secondo i militari della Finanza un appalto lombardo su tre monitorati conterrebbe irregolarità.

L’Anac – Autorità nazionale anticorruzione – ha inoltre portato l’attenzione sugli appalti assegnati, seppur legalmente, senza che venisse indetto bando pubblico, bensì tramite l’affidamento diretto dei lavori. Un sistema più veloce ma anche meno impermeabile alla corruzione.

Pubblicato in: Dal mondo, Città, Economia, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati