“MAL’ARIA” NEL LECCHESE:
QUI IL PEGGIOR DATO SUL PM10
DI TUTTA LA LOMBARDIA

ozono inquinamentoMILANO – Anche ieri le centraline della rete di monitoraggio della qualità dell’aria di ARPA Lombardia hanno registrato valori di Pm10 superiori ai 50 microgrammi per metro cubo in molte stazioni della regione, in particolare negli agglomerati urbani e nelle zone pedemontane.

Record negativo per Lecco dove, insieme alle provincie di Monza e Como, è stata superata anche la seconda soglia di applicazione del Protocollo, riferita a 70 µg/m3. La concentrazione di polveri sottili nell’aria lecchese è infatti pari a 85 µg/m3, il valore più alto misurato ieri. Nello specifico il dato è quello della centralina cittadina di via Amendola, estremamente negativo anche quello riferito a Valmadrera (77  µg/m3), leggermente migliore il rilevamento della seconda stazione cittadina, quella di via Sora (71 µg/m3).

La prima soglia di attivazione del “Protocollo per l’attuazione di misure temporanee per il miglioramento della qualità dell’aria” – che prevede il calcolo della media delle concentrazioni di Pm10 rilevate dalle stazioni presenti sul territorio di ciascuna provincia – è stata superata in provincia di Brescia, con 15 giorni consecutivi di superamento, in provincia di Bergamo, Milano, Monza con 12 giorni consecutivi di superamento, e in quelle di Como, Lecco e Varese con 3 giorni consecutivi di superamento.

In provincia di Monza e Brianza per 11 giorni consecutivi, in provincia di Como per 3 giorni e, appunto, in quella di Lecco per 1 giorno, è stata superata anche la seconda soglia di applicazione del Protocollo, riferita a 70 µg/m3. Nelle province di Cremona, Lodi, Mantova e Pavia le concentrazioni medie provinciali di Pm10 sono invece risultate inferiori alla prima soglia di attivazione del protocollo.

Le condizioni di stabilità meteorologica in corso che, ancora oggi, ostacolano la dispersione degli inquinanti, potrebbero concedere una breve tregua domani. Venerdì è previsto infatti l’ingresso di aria fredda in pianura e un modesto rinforzo della ventilazione. Nel fine settimana il cielo sarà soleggiato, con vento debole al suolo e tendenza al ripristino delle condizioni termiche stabili che, come accade ormai dall’inizio di dicembre, favoriscono il ristagno degli inquinanti. Questa situazione potrebbe protrarsi ancora per almeno una decina di giorni. Secondo le previsioni del Servizio Meteorologico regionale, paiono infatti scarse le probabilità di un decisivo cambio del regime circolatorio atmosferico, necessario per un calo significativo dei valori di Pm10.

Queste le concentrazioni di PM10 più alte rilevate ieri dalle stazioni di monitoraggio situate nei capoluoghi lombardi: BG 76, BS 72, CO 90, CR 54, LC 85, LO 33, MI 70, MB 79, MN 51, PV 55, SO 58, VA 76.

 

 

 

 

Pubblicato in: Valmadrera, Ambiente, Città, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati