MANUTENZIONE SULLE STRADE,
MA L’ASFALTO NUOVO CEDE GIÀ.
L’INTERROGAZIONE DI SIMONETTI

stefano simonetti_lega_consiglio provicniale2017LECCO – In Valsassina sono stati appaltati alcuni lavori di asfaltatura, lavori di cui non si dà conto sul sito istituzionale della Provincia, che nel link “cantieri” non risulta aggiornato. Inoltre una zona in prossimità di una rotonda a Pasturo, recentemente interessata da un intervento di rifacimento dell’asfalto, sarebbe già danneggaita.

“Tale ammaloramento del nuovo asfalto appare come una beffa per tutti contribuenti  della  Provincia di Lecco” scrive il consigliere provinciale leghista Stefano Simonetti in un ordine del giorno indirizzato al presidente Falvio Polano e al segeretario e direttore Amedeo Bianchi.

“Considerato che per quanto di conoscenza, il compito di verificare la pesatura del materiale trasportato dagli appaltatori e di controllare le bolle di trasporto spetta ai cantonieri ovvero ai funzionari responsabili del settore Viabilità, così come il compito di controllare le fasi di lavorazione dei suddetti appalti e la qualità del conglomerate bituminoso impiegato per la realizzazione del manto d’asfalto” Simonetti interroga i vertici di Villa Locatelli sui seguenti punti:

1 Quali sono stati gli ultimi cinque appalti di rifacimento di asfalto in provincia di Lecco e dove sono stati realizzati;

2 Quali sono gli appalti per  il rifacimento  dell’asfalto  in fase  di aggiudicazione;

3 Chi sono i funzionari responsabili del controllo delle pesature dei trasporti di materiale in tutti i suddetti appalti;

4 Chi sono i funzionari responsabili del controllo delle bolle di trasporto del materiale impiegato nei suddetti  appalti;

5 Quante volte gli automezzi impiegati per il trasporto del materiale sono stati effettivamente sottoposti alla verifica del  materiale trasportato;

6 Se il bitume utilizzato nei suddetti appalti era trattato come previsto  dalla legge;

7 Se per i suddetti appalti (con i lavori effettivamente terminati) è  stato presentato il formulario identificativo dei rifiuti oppure, in alternativa i documenti di identificazione;

8 A chi compete il controllo dei suddetti appalti tra i settori viabilità – appalti e contratti – ambiente ed ecologia;

9 Se per i lavori già effettuati-terminati il direttore tecnico ha effettuato la relazione (con puntuale protocollo) per la modifica degli spessori previsti nell’appalto;

10 Si chiede la trasmissione in copia delle eventuali richieste- relazioni del direttore tecnico di modifica degli  spessori (con data e numero  di  protocollo);

11 Se per gli appaltl conclusi, in aggiudicazione e/0 in corso sia prevista la pesatura di ogni automezzo e il controllo rigoroso  di ogni  bolla di trasporto;

12 Si chiede al settore  Appalti  e contratti la trasmissione di un report con tutti i controlli effettuati (da cantonieri e funzionari) sulle pesature e controllo bolle negli ultimi cinque appalti di rifacimento degli asfalti in tutta  la provincia  di lecco;

13 Se ogni appaltatore ha regolarmente prodotto al sensi dell’art. 103 del nuovo codice dei contratti al “garanzia definitiva” a garanzia della puntuale esecuzione del contratto;

14 Che ogni singolo trasporto di conglomerato bituminoso, dalla data odierna sia rigorosamente controllato, pesato  e verificato da due funzionari della provincia di Lecco non appartenenti al medesimo settore;

15 Che il presidente disponga una immediata verifica delle date e delle motivazioni di tutte le relazioni tecniche di richiesta e modifica degli spessori del manto d’asfalto;

16 Che nei tratti dove non vi è stata motivata richiesta di modifica degli spessori siano disposte delle urgenti prove a campione per verificare, l’effettivo spessore degli asfalti posati;

17 Che per i lavori ancora in fase di aggiudicazione e per tutti i futuri lavori di asfaltatura della provincia di Lecco sia previsto l’obbligo di transito in pesa  pubblica per gli automezzi per il trasporto del conglomerato bituminoso;

18 E per tutti gli appalti della provincia ad ogni bolla di trasporto sia obbligatorio allegare lo scontrino di tale pesatura;

19 Che ogni bolla, con il suddetto scontrino di pesatura, sia controllata e vistata da un cantoniere o funzionario alla partenza  e verificata  all’arrivo presso  il cantiere.

 

 

Pubblicato in: politica, Viabilità, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati