NAVA E IL NO A BOLLYWOOD
IN NOME DEI MARO’:
VALANGA DI COMMENTI

NAVA BOLLYWOODLECCO – Pro e contro (maggioranza di favorevoli) alla decisione del presidente della Provincia di Lecco Daniele Nava che l’altro giorno ha annunciato il blocco della richiesta di una casa di produzione indiana di ambientare alcune scene di un nuovo film a Villa Monastero di Varenna. Il tutto perché “in questo momento l’India è un Paese che non rispetta le norme del diritto internazionale, visto che tiene detenuti da due anni i nostri connazionali Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due marò in attesa di giudizio sui quali non è ancora scongiurata la pena di morte”.

Su Facebook, ma non solo, si registra una autentica ondata di opinioni su questo “caso”; prima di elencarne una scelta a nostro avviso significativa ecco un breve estratto dall’articolo del “Giorno” sul tema, firmato da Roberto Canali:
Siccome siamo pur sempre in Italia le ripercussioni non sono arrivate da Mumbai, che per ora non ha ritirato l’ambasciatore, ma dalla città dove la decisione non è stata presa bene dalla Lecco Film Commission che praticamente si è vista sfumare un buon affare.
.

NAVA-BOLLYWOOD-MARO’/i commenti dei lettori

LECCO

Cecilia
Bravo

Valentina
Bravo!

Marta
Condivido pienamente. Ottima scelta Daniele Nava.

Raffaella
Concordo..

Giorgio
la scelta migliore complimenti………

Alessandro
GRANDE!!!

Christian
Finalmente un politico che ha il coraggio di schierarsi.Grande

Alberto
Grande Presidente!!!!!!!!!!!!!!!

Alessandro
una scelta che definirei esattamente come Fantozzi considera La Corazzata Potemkin…

Marcello
Finalmente qualcuno si muove…….grandissimo presidente

Federica
E vorremmo incentivare il turismo a Lecco? Ci offrono una vetrina gratuita anzi, redditizia e noi la rifiutiamo per una presa di posizione politica? Ma cosa ha ottenuto se non odio nei confronti della popolazione indiana, perdita di visibilita’ in un paese emergente che viaggia molto piu’ dell’Europa e un ingresso economico non indifferente nel nostro territorio? Hanno liberato i nostri concittadini? Eppure spendiamo molti soldi per promuovere turisticamente il lecchese e per incentivare proprio i produttori di film a visitare il Lario!! Una follia! Quando dobbiamo spendere in prima linea quando si palesa l’opportunita’ di riscuotere ci nascondiamo dietro le prese di posizione politiche? Ma a che gioco giochiamo?

.

VALSASSINA

Mario Giovanni
Una vera mente. Con i soldi dei cinematografari indiani villa monastero avrebbe potuto dare avvio ad altre iniziative culturali. Quello di nava è solo un gesto propagandistico e senza utilità, tipico della cultura politica da cui proviene, vedi la Russa, il vero responsabile del problema dei due marinai.

Luigi
Secondo me è una cavolata!
Scusate ma che clamore può fare bloccare un film di Bollywood?
Al massimo faccio pagare per il noleggio della villa 4 o 5 volte di più,in modo da utilizzare quei soldi che fan sempre comodi per opere di ristruttura ad esempio i giardini della stessa villa.

Rosa
cominciamo dai piccoli sperando che in alto si sveglino .
E le ritorsioni !
Le aziende italiane che lavorano in İndia sono 2anni che le subiscono GİA!
BRAVO NAVA

Manuela
peccato che x cause altrui ci vadano di mezzo altri!!! ma almeno muoviamo un pò di clamore…… Sempre pecorelle, nn è giusto!!!! bravo Daniele Nava!

Jlenia
Non e” la soluzione al problema ma pure loro non rispettano I patti ….spiace per il nostro territorio gia penalizzato ma la vita di questi padri non hanno prezzo…..

Manuela
Bravo Nava pensiamoci noi semplici cittadini, considerato che le ns istituziioni non sono in grado di ottenere niente, se era successo in Italia avrebbero chiesto scusateci per l’inconveniente !!!!!

Sergio Luca
Bravo Nava!

Annibale Maria
Bene avanti cosi’..

Giovanni
Era ora bravo Nava !!

Roberta
Bravo Nava

Giulia
Che l’India non abbia gestito al meglio la vicenda è noto, ma mi sembra assurdo che il nostro territorio sia privato di un’occasione così importante, per giunta inutilmente dal momento che è chiaro che la situazione può essere risolta solo a livello diplomatico. Con questa scala di ragionamento bisognerebbe interrompere tutti gli scambi commerciali con l’India, geniale!

 

 

Pubblicato in: Cultura, Città, Hinterland, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati