“NON HO TRUFFATO FEDEZ”,
SUSANNA CHIESA FA RICORSO
DOPO LA CONDANNA A 7 MESI

susanna-chiesaLECCO – Ricorrerà in Appello, Susanna Chiesa, dopo la condanna a sette mesi per truffa ai danni di Fedez. L’ex consulente del rapper non ci sta e, attraverso il suo avvocato Marco Rigamonti, punta all’assoluzione, grazie anche a un documento del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati a cui Chiesa era regolarmente iscritta che testimonia la correttezza della sua attività, sia dal punto di vista della legge professionale, che degli obblighi deontologici.

“Sono stata vittima di un pesante attacco – commenta Chiesa – e definita una “truffatrice” che ha usato i soldi di Fedez per comprare abbigliamento intimo, reggiseni, pagare cene agli artisti e chissà che altro. Invece – prosegue – come ha specificato lo stesso avvocato di Fedez, negli ultimi 20 anni sono stata consulente di artisti di fama nazionale ed internazionale, nonché collaboro tuttora con Major nel mercato discografico, anche all’estero e nessuno dei clienti che ho seguito in questi 20 anni di attività ha mai contestato né il mio lavoro né il fatto che, nonostante una laurea in legge e un praticantato svolto prestando lavoro in Inghilterra, Stati Uniti, Spagna ed Italia, abbia ora deciso di essere, prima di tutto, una donna manager. Di questi anni di lavoro – prosegue la manager lecchese – custodisco 12.345 mail dove interagisco con l’artista Fedez ed in cui, dopo averlo acquisito quale cliente quando era un artista sconosciuto e dopo averlo portato al successo, ho deciso di non continuare la collaborazione”.

“Ora – commenta l’avvocato difensore Rigamonti – sarà la Corte d’Appello a stabilire se siano o meno corrette le considerazioni dell’Ordine”.

 

 

 

Pubblicato in: Città, Lago, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati