NUOVO SCANDALO NELLA SANITÀ:
21 ARRESTI, CON IL LEGHISTA RIZZI.
INDAGINI SU APPALTI TRUCCATI

maroni-rizziMILANO – Ancora uno scandalo nel mondo della sanità lombarda, inscindibile dalla politica. Ventun’arresti tra cui undici funzionari pubblici, il nome più grosso è quello del leghista Fabio Rizzi, padre della riforma sanitaria appena varata.

I Carabinieri sono arrivati in Regione questa mattina, mentre era in corso la commemorazione delle vittime delle forze dell’ordine, e si sono diretti nell’ufficio di Fabio Rizzi, ex senatore, padre della neonata riforma lombarda della sanità nonché plenipotenziario del governatore Maroni.

L’inchiesta Smile ruota attorno a un gruppo imprenditoriale accusato di aver corrotto funzionari pubblici per “truccare” l’aggiudicazione di appalti pubblici di diverse aziende ospedaliere per la gestione di servizi odontoiatrici.

> Tutti i dettagli su Repubblica.it

 

 

Pubblicato in: Dal mondo, Sanità, Città, Economia, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati