OPERAZIONE ANTIDROGA “SPEED2”:
14 ARRESTATI, C’ERA CHI BARATTAVA COCA CON BICI

LECCO – Illustrati gli esiti dell’operazione “Speed 2” condotta dalla Polizia di Stato della Questura di Lecco. Questa mattina sono state eseguite 14 ordinanze di custodia cautelare sulle 19 totali previste; sei le persone arrestate in flagranza di reato. Nell’operazione sono stati confiscati anche 18mila euro in contanti.

Le ordinanze sono state emesse dalle Procure di Como (dott. Pizzotti), Lecco (dott. Del Grosso) e Monza (dott. Gambardella).

ARRESTI SPEED2
Identificati 100 clienti segnalati all’autorità amministrativa, dieci persone in qualità di assuntori di sostanze stupefacenti (cocaina); sequestrate tre auto. “Speed 2” nasce da un recupero avvenuto a Inverigo il 7 ottobre 2013. Da Inverigo gli inquirenti hanno iniziato a seguire il “giro” e l’indagine si è espansa poi anche nel Lecchese. Il successivo 6 novembre viene denunciato a Ballabio un valsassinese classe 1971 per il possesso di cinque dosi di coca. A Molteno il 14 novembre sempre del 2013 il primo arresto in flagranza di reato di Said Koudia classe 1980. Ancora, il 2 dicembre una denuncia a Bellano, quindi a Cinisello Balsamo arrestato Hicham Adimi, 34enne e il 10 gennaio 2014 in manette Driss Wahid (1987) a Veduggio.

QUESTURA CS ARRESTI SPEED

L’inchiesta si estende nel Lecchese a Civate, Suello, Annone, Bosisio, Molteno, Garbagnate Monastero e poi a Veduggio (gli spacci avvenivano in queste zone, specie lungo la SS 36) mentre nel Comasco a Merone, Inverigo, Arosio, Cantù e Mariano Comense.

“Abbiamo battuto a tappeto il Lecchese, il Comasco e Monza e Brianza per mesi – afferma il dirigente della Squadra Mobile Marco Cadeddu – anche con operazioni pericolose, inseguimenti in auto che potevano essere rischiosi per noi, ma anche per gli altri utenti della strada”. “Agivano come una vera realtà imprenditoriale”.

Emergono anche particolari curiosi: tra i clienti c’era chi pagava con baratti (biciclette ad esempio ma addirittura con mobili in cambio di droga). Identikit del consumatore medio: imprenditore, commerciante oppure disoccupato, dai 30 ai 45 anni ma non manca anche qualche ultracinquantenne e qualche ventenne. C’erano sia i consumatori che compravano droga “per fare serata”, sia coloro i quali la assumevano in solitudine. Un 60enne ad esempio aveva problemi di sonno e sniffava per poter stare sveglio a leggere.

QUESTURA SOLDI

A diversi spacciatori sono state contestate oltre mille cessioni di droga.

I nomi degli arrestati di oggi (quasi tutti di nazionalità marocchina):
Hicham Adimi, 1980
Kamal Chaoub, 1984
Amine Ennadi, 1982
Issam El Acham, 1991
Nabil Khallouki, 1979
Said Koudia, 1980
Ahmed Mazaui, 1986, arrestato ad Avezzano (AQ)
Youssef Mazaoui, 1990
Youssef Harkaoui, 1990 arrestato per la quinta volta
Said Tarik, 1986
Ayoub Tabia, 1986
Cherkaoui Ezzaouya, 1991
El Maokhtar El Oirrak, 1991
Mohamed Al Mahdi Benkirane, 1988, naturalizzato italiano

Pubblicato in: Città, Hinterland, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati