PAREO LIVE CONTEST:
IN GARA TRE OTTIME BAND,
PASSA THE WILD CHILD

the wild child bandOLIVETO LARIO – Sfida emozionante alla settima serata del Pareo Live Contest organizzata da Lecco Sound People.  Per la seconda volta tutte e tre le band hanno superato i 200 punti, rendendo difficile la scelta per i giurati.

Piazzate tutte nello spazio di 8 punti, ancora una volta il pubblico ha dato un aiuto fondamentale alla band vincitrice. Promossi così alle fasi finali The wild child, che ottiene 233 voti dalla giuria e viene premiata dal pubblico con 4 punti preziosi.

Si fermano ai 235 voti della giuria i Three Meerkats mentre totalizzano 229 punti i Wheelie roots.

wheelie roots bandEsito della sfida:

1) THE WILD CHILD: 237 punti (233 giuria tecnica + 4 voto del pubblico)

2) THREE MEERKATS: 235 punti (235 giuria tecnica)

3) WHEELIE ROOTS: 229 punti (225 giuria tecnica + 4 pubblico)

 

> PAREO LIVE CONTEST: IL CALENDARIO DELLE SFIDE

– – – – – – – –

three meerkats band THREE MEERKATS – L’affiatata sezione ritmica composta da Mattia Cazzaniga “Tita” al basso elettrico e Maurizio Parora “Mau” alla batteria si trova nella primavera 2011 a dover reclutare una figura per poter dare voce e melodia al progetto prepostosi. Federico Morelli “Morra” completa la formazione ed il trio inizia ad esprimersi eseguendo cover che spaziano dal rock di “Born to be wild” degli Steppenwolf al Blues di Stevie Ray Vaughan, Jimi Hendrix, Eric Clapton, ZZ Top, Joe Bonamassa e altri. I Three Meerkats propongono dei suoni che richiamano gli anni 70 tramite cover di artisti del tempo, ma stanno creando una propria “linea” di brani inediti tramite i quali portare sonorità vintage ai giorni nostri con l’aggiunta della continua evoluzione che la musica incontra giorno dopo giorno.

 

WHEELIE ROOTS –  I Wheelie Roots nascono ufficialmente a Lecco nel mese di ottobre 2013. Si arriva a questa formazione partendo dalla lunga amicizia e dalla comune passione per la musica che legano Stefano Arrigoni (16 anni) e Riccardo Gilardi (17 anni). Riccardo, il cantante del gruppo è un timido ragazzo alla sua prima esperienza musicale ma con una voce dalle grandi potenzialità e una gran voglia di migliorarsi sempre.
wheelie roots bandStefano invece studia e suona la chitarra elettrica da circa 7 anni, potrei scommettere che la chitarra se la porti addosso al posto del pigiama per tenersela stretta anche di notte e magari averla a portata di mano nel caso arrivasse l’ispirazione per qualcosa di nuovo. I due amici iniziano a credere che l’idea di formare un gruppo non sia poi così irrealizzabile e ben presto si mettono al lavoro per trovare prima un bassista, poi un batterista. Contattano Luca Masullo (18 anni), già bassista dei Destino e gli propongono di unirsi a loro per intraprendere questa nuova avventura. Luca decide di “testare” la cosa e dopo qualche incontro in sala prove, prende la decisione di lasciare definitivamente la band in cui suona accettando di rimettersi in gioco coi nuovi compagni. Manca ancora un batterista, lo trovano dopo circa un mese, tale Christian Fumagalli, che frequenta la stessa scuola di Stefano, ha solo 15 anni, ma prende lezioni di batteria da quando ne aveva 5 e questa richiesta lo riempie di orgoglio e di tanti stimoli nuovi. I Wheelie Roots sono nati! I ragazzi si trovano subito d’accordo sul genere musicale da suonare, un genere che li rispecchia tutti e che dà loro la possibilità di esternare qualsiasi tipo di emozione dovuta alla turbolenza (soprattutto ormonale) dei loro anni adolescenziali. La scelta cade inevitabilmente sull’Alternative Rock. Le serate passate nelle sale prove sono sempre più coinvolgenti, si cerca di inserire spesso nuove cover e al tempo stesso di portare avanti il progetto di realizzare brani propri. Iniziano ad arrivare i primi contatti così da provare sul palco l’effetto che il lavoro ha sul pubblico, l’ebrezza di arrivare presto per montarti gli strumenti e controllare ogni dettaglio, le chiacchiere coi gestori dei locali, i sorrisi delle ragazze, le foto, la musica!

 

WILD CHILD – ‘The Wild Child’ nascono nel 2004 a Chiavenna (So), uniti dalla stessa passione per la musica hard rock e metal. Iniziano il loro percorso artistico come cover band di Black Sabbath, Judas Priest, Ozzy Osbourne, e W.a.s.p. Il gruppo nel tempo decide di orientare il proprio interesse verso una strada più appagante: la creazione di brani inediti. Nascono così dopo un primo anno di gavetta, dalla mente di Cris, i primi otto pezzi dei TWC che andarono a formare il primo album la cui uscita fu nel 2007 intitolato ‘In The Next Life’. Ora, con un nuovo album ‘Wild Child’ che, a differenza del primo, fa emergere una maggiore maturità professionale ed una omogeneità tra i brani, il gruppo decide di adottare la formula “O tutto o niente”. L’album “Wild Child” esce nella prima metà del 2012. Nella seconda metà del 2012 il gruppo si propone di potenziare la rete promozionale per far conoscere ad un pubblico più vasto il loro nuovo album ed entra così a Novembre 2012 a far parte del parco artisti di ELFA Promotions.

 

 

 

Pubblicato in: Giovani, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati