PASSA ANCHE PER IL LECCHESE
IL MAXI SCANDALO DI VENEZIA

VENEZIA – Sposato con una ballabiese, residente per un periodo a Pescate, William Colombelli – coinvolto con il presunto ruolo di “riciclatore” di fondi distratti dai lavori per il Mose a Venezia. Da quell’inchiesta risalente a tre anni fa ora è scaturito il blitz che ha portato all’arresto di 35 persone (compreso il sindaco della città lagunare, Giorgio Orsoni, ora ai domiciliari).

Colombelli è parente acquisito di un noto personaggio politico lecchese. L’anno scorso era finito agli arresti domiciliari nella sua villa di Pescate. Il finanziere già console di San Marino ha patteggiato pochi giorni fa la pena di un anno e quattro e mesi davanti al Gup di Venezia nel processo che l’ha visto coinvolto con altre tre persone per la creazione di fondi neri all’estero.

Articoli correlati

PESCATE VILLA VIA ROMA

FATTURE FALSE IN VENETO,
PER GLI INQUIRENTI
COLOMBELLI VIVEVA A PESCATE

Scritto il 1 marzo 2013
VENEZIA – William Colombelli il 49enne presidente della società BMC broker srl, considerata la “cartiera” per il giro di fatture false da 10 milioni di euro per conto del …

TOCCA ANCHE IL LECCHESE
LA MAXI INCHIESTA VENEZIANA SULLE GRANDI OPERE

Scritto il 28 febbraio 2013

LECCO – Ci sarebbe una villa sull’Adda nella disponibilità di William Ambrogio Colombelli (presidente della Bmc Broker Srl, meno di 12mila euro di reddito dichiarato a …

Pubblicato in: News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati