PAURA LUNGO LA SP 62:
CAMION VIAGGIA IN FIAMME
PER 300 METRI

PASTURO – Ha percorso qualche centinaio di metri sulla SP62 con la turbina in fiamme, avvolto in una nuovola di fumo, e si è dovuto fermare sulla Provinciale, nel territorio comunale di Pasturo. Situazione ora sotto controllo, ma molta paura anche per la vicinanza del fuoco a una colonnina di metano.

Il fatto intorno alle 15:30, poco dopo una curvetta lungo il tratto pasturese della Provinciale della Valsassina. Il grosso camion di proprietà di una impresa di trasporti italiana, mentre viaggiava tra Introbio e Ballabio, ha avuto un problema piuttosto serio: la turbina è andata in fiamme e quando il conducente se n’è accorto si è dovuto fermare immediatamente, ancora sulla strada. Un giardiniere che stava lavorando poco distante ha subito allertato il 112 e sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco da Lecco.

Spente le fiamme e diradato Il fumo, ora il mezzo pesante dovrà essere spostato. Sono intervenuti i Carabinieri e gli operai dell’amministrazione provinciale che hanno gettato segatura sull’olio e i residui rimasti sulla sede stradale.

“Arrivava già avvolto in una nuvola di fumo” – raccontano alcuni testimoni oculari, che definiscono il camionista “coraggiosissimo”. L’autista, partito dalla Norda di Primaluna, una volta resosi conto di quanto stava succedendo è riuscito a fermare il mezzo evitando guai peggiori. Il Tir carico di acqua minerale ha arrestato la sua corsa nei pressi della colonnina del metano nel piazzale di una ditta accanto alla Provinciale; per fortuna non ci sono state conseguenze se non appunto all’autoveicolo.

“Appena abbiamo visto quella nuvola enorme che avanzava sulla strada siamo scappati – dichiarano due persone che hanno assisito alla scena da dentro un’azienda -. Il tempo di bloccare il camion e il conducente è sceso a controllare, nonostante fiamme e fumo. Ha mantenuto i nervi saldi e soprattutto ha evitato di uscire di strada, non si sa come sia riuscito” commentano i presenti.

Pubblicato in: Valsassina, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati