PICCOLI COMUNI, NAVA (NCD):
“NO ALLA SOPPRESSIONE”

Daniele Nava_1LECCO – “La proposta di legge sottoscritta, tra gli altri, dall’onorevole lecchese Gian Mario Fregomeli, che prevede la soppressione di tutti i Comuni sotto i 5.000 abitanti, non mi trova per niente d’accordo per diverse ragioni”. Ad affermarlo è il sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione negoziata della Regione Lombardia Daniele Nava.

“Come ho più volte dichiarato – spiega Nava – sono favorevole a processi di aggregazione che garantiscano efficienza, risparmi e una migliore qualità dei servizi, ma un percorso di questo genere deve partire dal basso e non essere imposto per legge da Roma”. Infatti un modello di fusione che può funzionare in un territorio di pianura, come Cremona o Mantova, può non essere adeguato a un territorio montano come le valli bergamasche o quelle lecchesi”.

“Inoltre, una prospettiva come quella indicata dalla proposta di legge – sottolinea il sottosegretario – non tiene conto della specificità del territorio lombardo, dove più di due terzi dei Comuni è sotto i 5.000 abitanti. Se venisse approvata una norma del genere, l’intero sistema istituzionale lombardo verrebbe stravolto”.

Regione Lombardia continua a favorire processi aggregativi in grado di produrre risparmi reali e razionalizzazione dei costi, attraverso il confronto e la condivisione con il sistema delle autonomie. “E’ questo il metodo giusto, grazie al quale, dald 2011, oltre trenta Comuni hanno già completato il percorso di fusione”, conclude Nava.

 

Pubblicato in: politica, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati