SCIOPERO DELLA SANITÀ IN VISTA:
IL PREFETTO CONVOCA LE PARTI,
MA È UN “ATTO DOVUTO”

Liliana Baccari prefettoLECCO – La procedura di conciliazione in caso di proclamazione di sciopero dei servizi prevede che la Prefettura convochi le parti per capire le ragioni del la protesta e cercare di comporre la frattura.

E in effetti il Prefetto di Lecco Liliana Baccari ha indetto una riunione urgente per martedì prossimo, al pomeriggio. Difficile comunque fermare l’astensione che è nazionale.

OSPEDALE SEGNALETICAI sanitari denunciano una situazione sempre più difficile della nostra sanità nazionale caratterizzata da carenza cronica di personale e turni proibitivi. Tenendo conto che queste persone stilano diagnosi e devono tener conto dell’erogazione di medicine e dosi, in effetti la problematica, per quanto non immediatamente percepibile dall’ammalato, è importante.

Al tavolo del prefetto sono stati chiamati il direttore generale dell’Ats Stefano Manfredi,  i presidenti degli ambiti distrettuali Pala Viganò del Lecchese, Fernando De Giambattista dell’Alto Lario, Adele Gatti del Meratese, il presidente dell’Assemblea dei sindaci lecchesi Filippo Galbiati e Maria Antonio Molteni della Conferenza dei sindaci dell’Ats della Brianza.

Sull’altro lato del tavolo i rappresentanti dei lavoratori: Barbara Babbi, Paolo Garroni e Walter Tommasini.

 

 

Pubblicato in: lavoro, Sanità, Città, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati