SCUOLA, VILLA VERGANO:
SOLO 5 ISCRITTI ALLA PRIMA
CHIUSURA SEMPRE PIÙ VICINA

scuola villa verganoGALBIATE – Si sono concluse ieri, lunedì 22 febbraio, le iscrizioni per l’anno scolastico 2016/2017, le anticipazioni avevano già visto in difficoltà la scuola primaria G. Parini di Villa Vergano, con soli 4 bambini residenti nella frazione e uno nell’adiacente Bartesate. Nessuna buona notizia e nessuna ulteriore adesione, oltre alle 5 previste.

Ora, seppur il l’Ufficio scolastico provinciale preferisca avvalersi di qualche giorno in più per verificare la situazione a sistema chiuso, l’epilogo sembra concreto.

Solo cinque iscritti per la futura prima elementare di Villa Vergano – spiega la dirigente scolastica Simona Anna Toffoletti – il che non lascia spazio a molte alternative. La soluzione della pluriclasse purtroppo non è adattabile al contesto locale e ora si vedranno le decisioni del Comune per sostenere le famiglie nel tragitto fuori dalla frazione, per raggiungere le altre due scuole comunali: Sala al Barro o Galbiate”.

La pluriclasse, come emerge dallart. 4 del D.P.R. 275 comma 2 lettera d del D.P.R 275/99, dove si parla di “articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi o da diversi anni di corso“, consiste nelle cosiddette “classi aperte” che stentano ad affermarsi, ma che altrove in Europa sono molto presenti. Soluzioni dettate dalla necessità, ma che contengono un tasso di innovazione notevole sul piano didattico.

Tale soluzione, rappresentata da un’aula unica nella quale convogliare bambini provenienti da due o più classi di differenti anni, purtroppo non è una soluzione contemplata per il caso della frazione galbiatese, in quanto viene proposta per casi estremi quali piccoli paesi di montagna e isole, difficilmente collegate ai paesi limitrofi.

Nei prossimi giorni si giungerà ad una conclusione, nonostante la conferma dei soli 5 iscritti al prossimo anno scolastico non lasci spazio ad ulteriori indugi circa il futuro dell’istituto galbiatese.

Martina Panzeri

Pubblicato in: Giovani, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati