SICURI IN MONTAGNA CON UNA APP
GRATUITA PER I SOCI CAI.
ARCHIVIA I DATI E LANCIA L’SOS

georesq-app-cnsas-1LECCO – Il Cai è stato fondato a Torino nel lontano 1863 e da sempre coltiva e diffonde l’amore per la montagna nelle sue varie espressioni: scialpinismo, trekking, escursionismo, arrampicata, speleologia ecc. Questa azione è stata sempre accompagnata dalla ricerca della massima sicurezza per gli amanti della montagna e degli escursionisti e dal 2017 si arricchisce di un nuovo e utile strumento che viene messo gratuitamente a disposizione di tutti i Soci del CAI.

Si tratta di GeoResQ, un’applicazione che è possibile scaricare sul proprio telefonino e che consente, oltre ad un tracciamento e archiviazione della propria escursione, di rilevarne i dati essenziali, quali la distanza percorsa, i dislivelli e i tempi di percorrenza; inoltre, in caso di necessità, è in grado anche di lanciare una richiesta di soccorso accompagnata da una precisa geolocalizzazione.

L’applicazione, infatti, consente una risposta più rapida ed efficace della macchina dei soccorsi, da sempre curata dal Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico, in quanto fornisce una localizzazione puntuale che è il presupposto fondamentale per avviare un’operazione di soccorso.

montagna-caiCome fare? Il Socio dovrà registrarsi sul sito www.georesq.it e sulla app che dovrà essere scaricata dallo store corrispondente al sistema operativo del proprio smartphone; verrà avviata una procedura che verificherà la regolare iscrizione al Cai (tramite l’inserimento del codice fiscale) e quindi la possibilità di attivazione gratuita del servizio.

Una volta ultimata l’installazione della app sarà possibile utilizzarla per tracciare e archiviare le proprie uscite e, se del caso, attivare l’allarme al soccorso alpino.

Uno strumento utile e che, in qualche caso, metterà in condizione i soccorritori di salvare qualche vita. Per saperne di più si può visitare il sito www.georesq.it oppure chiedere informazioni all’indirizzo mail info@georesq.it.

 

 

 

Pubblicato in: Montagna, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati