SOCCORSO IN PARETE E IN FUNIVIA.
LE SPETTACOLARI IMMAGINI
DELL’ESERCITAZIONE CNSAS

cnsas-parete-3LECCO – Si è concluso con una simulazione di intervento il corso di specializzazione in parete organizzato dalla XIX Delegazione Lariana. I tecnici del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) partecipano a esercitazioni periodiche per mantenere la qualifica di soccorritore esecutore e anche per testare procedure, innovazioni, metodi, al fine di operare in sicurezza per sé e per gli altri, in caso di intervento nella realtà.

Durante la simulazione, due squadre si sono calate in parete per soccorrere due cordate di alpinisti in difficoltà: un ruolo interpretato da altri tecnici del CNSAS, saliti appositamente in veste di figuranti. Una cordata si trovava sulla classica via Cassin, l’altra sulla via Anniversario. I soccorritori sono stati trasportati sulla sommità con un elicottero e da lì si sono calati con attrezzatura e barella per raggiungere gli infortunati. Il passaggio successivo ha previsto l’imbarellamento delle persone ferite, poi calate fino alla base della parete. Le operazioni si sono svolte con successo e in tempi ridotti, nonostante le note difficoltà che la parete presenta, in particolare a causa delle possibili scariche di sassi.

Nei giorni scorsi, la Stazione di Varese ha invece predisposto una simulazione di evacuazione passeggeri sulla funivia di Laveno. L’impianto, soprattutto nel periodo estivo, trasporta in quota numerose persone: questo tipo di scenario permette ai tecnici di valutare tutte le possibili implicazioni per accelerare i tempi d’intervento e ridurre al massimo la permanenza sulla funivia da parte di eventuali frequentatori. Una ventina di tecnici varesini, con alcuni colleghi delle stazioni di Lecco e del Lario Occidentale, hanno applicato le varie metodologie di intervento, operando anche dopo il sopraggiungere del buio, come del resto avviene nelle condizioni reali, in caso di fermo di queste tipologie di impianti.

 

 

 

Pubblicato in: Montagna, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati