VALMADRERA, IN CONSIGLIO
SILEA E AUMENTO DEI RIFIUTI

VALMADRERA – La serata è iniziata verso le 20.30, e dopo la consueta approvazione dei verbali della seduta precedente si è passati alla relazione del presidente di Silea Mauro Colombo e del presidente del comitato tecnico-scientifico Mario Raimondi.

La presentazione ha riguardato la storia di Silea, ed in particolare dell’impianto di Valmadrera. Sono state analizzate le evoluzioni avvenute negli anni, parlando delle emissioni, della raccolta differenziata (passata in 20 anni dal 20 al 60%), ma soprattutto del progetto di teleriscaldamento.

Nella propria presentazione Mario Raimondi ha invece illustrato la propria attività e i risultati conseguiti, evidenziando come l’impianto di Silea sia monirato mensilmente, e come le emissioni siano sempre ben al di sotto dei limiti di legge.

ccvalma1

Giuseppe Castagna di Valmadrera Futura è intervenuto per primo, comnplimentandosi per il lavoro di educazione ambientale – “una buona raccolta differenziata incide positivamente sui conti del Comune” – ma mostrando perplessità sull’inquinamento che il maggior numero di camion utilizzati, dovuto al maggior numero di rifiuti, potrebbe causare.

Bruno Perego di Progetto Valmadrera è scettico sul teleriscaldamento. “Con sempre più richiesta, ci saranno sempre più rifiuti e sempre più inquinamento. Io ci penserei due volte…”. Al contrario, il capogruppo di maggioranza Amaretti ha espresso fiducia sul lavoro di Silea e si è dichiarato favorevole a questa innovazione.

Si è poi passati al terzo punto, l’approvazione dell’ordine del giorno proposto dal Sindaco in merito al Decreto autorizzativo AIA riguardo all’impinato di Silea di Valmadrera. Il primo cittadino Donatella Crippa ha ribadito la “contrarietà del Comune agli aumenti della capacità del forno e dei rifiuti. Un voto contrario dichiarato nella recente assemblea dei comuni, ma ininfluente. Ci limitiamo a prendere atto di questa decisione, e a stigmatizzare la Regione che ha permesso ciò”.

ccvalma1

Il capogruppo di minoranza Rondinelli ha sottolineato come “in un recente incontro l’assessore Tentori aveva rassicurato i due capogruppo che non ci sarebbero stati aumenti di tonnellate e rifiuti…”. Inoltre, insieme a Castagna, ha avuto da ridire sulla stigmatizzazione dell’operato della Regione. “Non si tratta di questo, la colpa è degli altri comuni che non sono stati uniti con noi per questa causa. Soprattutto Lecco, dal momento in cui il sindaco è cittadino di Valmadrera e dovrebbe avere a cuore questo problema”.

Il sindaco ha dichiarato di non voler entrare nel merito delle sclete degli altri Comuni. Alla votazione perciò la minoranza ha deciso di astenersi, in quanto avrebbero voluto una modifica dell’ordine del giorno, in quanto “non va stigmatizzata la regione ma i sindaci”.

Al quarto punto è stato approvato l‘aggiornamento alla convenzione con la società ‘Lido di Parè’, che si impegna a versare il 75% di ciò che deve attualmente al Comune su eventuale richiesta della ragioneria del Comune stesso.

I punti 5, 6, 7, 8 sono stati raggruppati, in quanto riguardavano modifiche a regolamenti, nello specifico della Consulta Giovanile, della Consulta per la promozione culturale, della Consulta dell’agricoltura e della Consulta dello sport. L’ultimo punto ha infine riguardato l’istituzione della Consulta per la promozione di turismo e commercio.

 

 

Pubblicato in: Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati