VALMADRERA/IN MANO AI GIOVANI
IL FUTURO DELL’AREA DI PARÈ.
DECINE LE IDEE PRESENTATE

PROGETTO PARE (3)

VALMADRERA – Tanta curiosità ieri sera, presso il centro culturale Fatebenefratelli a Valmadrera, per l’incontro di presentazione dei progetti per la riqualificazione dell’area lago a Parè realizzati dagli oltre 100 ragazzi dei tre istituti: CAT Geometri Medardo Rosso di Lecco, Bachelet di Oggiono e Rota di Calolziocorte.

A presenziare la serata Donatella Crippa, sindaco di Valmadrera, Marco Piazza, assessore con delega all’urbanistica e Marco Tentori, presidente del collegio geometri nel territorio di Lecco. “Si è deciso di seguire una didattica collaborativa per dare modo ai ragazzi di avere uno spazio con il lavoro sul territorio – spiega Marco Piazza – e in accordo con il sindaco abbiamo contattato il collegio dei geometri per vedere dalla prospettiva dei ragazzi”. “L’idea – aggiunge Marco Tentori – nasce due anni fa quando abbiamo deciso di intraprendere un percorso formativo, con alcuni lavori sul territorio di Valmadrera e Civate, che permettesse ai praticanti di lavorare direttamente sul campo”.

Prima delle presentazioni è stato premiato Simone Mancini della classe I dell’istituto Rota di Calolziocorte, nel contesto del progetto GEO-ORIENTIAMOCI promosso dal Consiglio Nazionale dei Geometri, ormai al terzo anno di svolgimento, che ha messo a disposizione oltre a 120 borse di studio in tutta Italia.

Per quanto riguarda invece le presentazioni dei progetti di riqualificazione dell’area lacustre di Parè i tre istituti si sono alternati con le presentazioni dei propri studenti.

Per primi hanno preso la parola i ragazzi del CAT Geometri del Bachelet di Oggiono, che con i loro 10 progetti si sono concentrati molto su un potenziamento della ciclovia, in modo da collegare quella del lago di Annone a quella del lago di Garlate, sullo sport e sulla cultura con il potenziamento e la realizzazione di piscine e centri di kitesurf, ristoranti, bar.

Ai progetti dei ragazzi di Oggiono sono seguiti quelli del CAT Geometri del Medardo Rosso che hanno presentato 4 progetti con caratteristiche comuni di valorizzazione dello spazio esterno quindi con scarso impatto sull’ambiente circostante permesso dall’utilizzo di moduli realizzati principalmente in legno, acciaio e vetro e materiali drenanti per evitare problemi di allagamento.

L’ultima presentazione è stata quella dei ragazzi dell’istituto Rota di Calolziocorte che hanno basato i loro progetti concentrandosi anch’essi sull’utilizzo dell’area per la realizzazione di ristoranti e di luoghi per le attività sportive. Degna di nota è l’attenzione agli edifici circostanti nella proposta di realizzare una piscina scoperta, per evitare di oscurare la vista del lago all’edificio in via di realizzazione alle spalle del complesso.

A. G.

 

 

 

Pubblicato in: Giovani, Valmadrera, Ambiente, Città, Hinterland, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati